Da Galleria Pace a Farsetti: calendario rovente per le aste italiane

I top lot della aste di Galleria Pace, Porro & Co. Bortolami Fine Art e Farsetti Arte.
I top lot della aste di Galleria Pace, Porro & Co. Bortolami Fine Art e Farsetti Arte.
Save pagePDF pageEmail pagePrint page

Pronti, attenti… via! Inizia domani alle 21, con la Galleria Pace di Milano, la dieci giorni più calda per il mercato italiano delle aste in questo primo semestre 2017. Seguire e studiare tutti i cataloghi è praticamente impossibile e allora non resta che proporvi un rapido calendario ragionato delle vendite più interessanti tra quelle in programma, cercando di mettere in evidenza almeno i lotti che meritano attenzione tra le centinaia che saranno messi all’incanto. Venerdì, invece, ci soffermeremo sul catalogo di Wannenes che batterà la sua asta di arte moderna e contemporanea il 25 maggio prossimo a Milano. E un’analisi approfondita la faremo, nei prossimi giorni, anche dei cataloghi di Blindarte (30/5), Finarte (30/5) e Il Ponte (13/6).

 

Galleria Pace – 18 maggio,  ore 21

LOTTO 83 - Roberto Crippa, Spirali, 1951. Olio su tela, cm. 60,00x70,00. Stima: 7.500,00 – 14.000,00 €

LOTTO 83 – Roberto Crippa, Spirali, 1951. Olio su tela, cm. 60,00×70,00. Stima: 7.500,00 – 14.000,00 €

91 i lotti che stasera, dalle ore 21, metterà all’incanto la Galleria Pace di Piazza San Marco a Milano. Top lot dell’asta Paesaggio sul fiume (lotto 94): olio su tela del 1949 a firma di Carlo Carrà, stimato 115-150.000 euro. Ma tra le opere spiccano anche due belle tele di Roberto Crippa: Spirali (lotto 83) e Spirale (lotto 84), entrambe del 1951 e valutate 7.500-14.000 euro. Tra i lavori più interessanti in catalogo si segnala poi, al lotto 69, un Bozzetto per negativo-positivo di Bruno Munari datato 1977 (stima: 4.300-6500 euro) e,  al lotto 79, una piccola tela di Mario Sironi, Figure (1942) proposta a 5.500-8.000 euro. Da non trascurare, infine, per chi ha budget limitati, la selezione di multipli e opere su carta che apre la vendita e dove si possono trovare lavori di Mimmo Rotella, Piero Dorazio o Giuseppe Chiari a prezzi decisamente accessibili. GUARDA IL CATALOGO -> GALLERIA PACE – ASTA 135

 

Porro & Co. – 24 maggio 2017 ore 19.30

LOTTO 25 - Arnaldo Pomodoro, Personaggio con Eco, 1955. Ferro, cm 47x95x10. Esemplare unico. Stima: € 40.000 – 60.000

LOTTO 25 – Arnaldo Pomodoro, Personaggio con Eco, 1955. Ferro, cm 47x95x10. Esemplare unico. Stima: € 40.000 – 60.000

Catalogo molto raffinato per l’asta di arte moderna e contemporanea n. 83 che Porro & Co. batterà mercoledì 24 maggio a partire dalle ore 19.30 nella sua sede di via Olona 2 a Milano. Un’asta, quella di Porro, che si pare con alcuni pregevoli lavori su carta a firma di artisti del calibro di Marc Chagal, Sonia Delaunay o Oskar Kokoschka. Ma tra i 94 lotti selezionati per questa vendita spiccano alcune opere di pittura di grande qualità, come la Figura Virile di Marino Marini, un olio su tavola del 1929 proposto al lotto 9 con una stima di 80-120.000 euro. La scelta, però, è veramente ampia, da Crippa a Asger Jorn, passando Agenore Fabbri e Emilio Isgrò, tanto per citare alcuni autori. Ma potremmo aggiungere anche nomi in odor di riscoperta come Mario Ballocco, presente in catalogo con una bella Struttura modulare con sottomultiplo del 1953, presentata al lotto 23 con una stima di 8-10.000 euro. Per non parlare delle opere di scultura dove, tra tutte, la nostra preferita non potrebbe che essere Personaggio con Eco (1955) di Arnaldo Pomodoro, esemplare unico in ferro stimato 40-60.000 euro. Ma tra le pieghe di quest’asta si trovano anche artisti tutti da rivalutare, come Gustavo Bonora a cui tempo fa avevamo dedicato un articolo e che qui è presente con una tela del 1970: Habitat: Viaggio in Sicilia (lotto 48 -stima: 5000-6000 euro). GUARDA IL CATALOGO -> PORRO & Co. ASTA 83

 

Bertolami Fine Arts – 24 maggio 2017 ore 15.30

LOTTO 331 - Shōzō Shimamoto, MAGIB34, 2008. Bottle crash: colori acrilici e cocci di vetro su ritaglio di polietilene, 90 x 60 cm. Stima: 25.000,00-28.000,00 euro.

LOTTO 331 – Shōzō Shimamoto, MAGIB34, 2008. Bottle crash: colori acrilici e cocci di vetro su ritaglio di polietilene, 90 x 60 cm. Stima: 25.000,00-28.000,00 euro.

Tra i 354 lotti che Bertolami Fine Arts batterà il 24 maggio prossimo a Roma nelle sale di Palazzo Caetani-Lovatelli, non sono tantissime le opere da segnalare, ma come spesso accade anche nei cataloghi minori si possono trovare alcune piccole chicche. E’ il caso ed esempio della matita su carte di Osvaldo Licini proposto al lotto 346 (Angelo Ribelle, stima: 3.500-4.000 euro) o, sempre su carta, la Compenetarzione di un mobile per bambini di Giacomo Balla (lotto 341, stima: 6.000-6.500 euro). A queste aggiungerei i due multipli di Lucio Fontana, due Concetti spaziali, entrambi precedenti al 1965: lotti 335 e 336, stima 8.000-10.000 euro. I lotti che possono destare un minimo d’interesse si trovano, comunque, tutti nella seconda parte dell’asta con lavori su carta di Mirò, Picasso, Hsiamo Chin e le due tele di Shōzō Shimamoto che guidano l’asta, tra le quali MAGIB34 del 2008 scelta per la copertina del catalogo (lotto 331, stima: 25-28.000 euro, proveniente dalla collezione del museo Magi900. GUARDA IL CATALOGO -> BERTOLAMI FINE ARTS – ASTA 33

 

Farsetti Arte – 26 e 27 maggio 2017

LOTTO 670 - René Magritte, La recherche de l’absolu, 1948. gouache su carta, cm 45x35. stima: 650.000 - 800.000 Euro.

LOTTO 670 – René Magritte, La recherche de l’absolu, 1948. gouache su carta, cm 45×35. stima: 650.000 – 800.000 Euro.

Oltre 700 opere suddivise nelle due sessioni di arte moderna e contemporanea, che saranno battute il 26 maggio alle ore 15.30 (lotti 1-317) e il 27 maggio alle ore 11.00 (lotti 401-575), e in quella di sola arte moderna che si terrà alle ore 16.00 del 27 maggio (lotti 601 al 702). L’asta di arte moderna e contemporanea n. 180 di Farsetti Arte ha, come sempre, un catalogo corposo, ma non dovete farvi scoraggiare perché al suo interno si celano alcuni tesori d’arte di primissimo livello. E’ caso della bellissima gouache su carta del 1948 di René Magritte al lotto 670: La recherche de l’absolu (stima: 650-800.000 euro). Oppure dei tre lavori di Giorgio Morandi inseriti in catalogo: Natura morta del 1956 (lotto 690,  stima: 500-700.000 euro), Paesaggio del 1942 (lotto 693 stima: 350-500.000 euro) e Fiori del 1947 (lotto 689, stima: 240-300.000 euro).Ma tra le opere di maggior rilievo artistico e storico segnaliamo il Concetto spaziale. Attese di Lucio Fontana  del 1964 (lotto 679,  stima: 480-600.000 euro) o, ancora, Seenebel, olio su tela di Max Pechstein (lotto 669,  stima: 130-160.000 Euro) dipinto nel 1922, anno in cui il pittore tedesco fu nominato membro dell’Accademia di Berlino. Ma la lista dei grandi maestri dell’arte presenti in asta è veramente lunghissima e  passa per Giorgio de Chirico, David Hockney o Jean Metzinger. Fino da arrivare a Cindy Sherman di cui Farsetti propone Untitled Film Still #27b del 1979 (lotto 571, 70-100.000 Euro). GUARDA IL CATALOGO -> FARSETTI ARTE –  ASTA 180

 

NOTA PER IL LETTORE: tra le aste in programma in questi giorni si segnalano anche quelle di Pananti (27/05), Studio Borromeo (27/05), Bozner Kunstauktionen (25/05) e Fabiani Arte (04/06).

© 2017, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.