Arte in Italia: c’era una volta il Medialismo

di

Nell’ottobre del 1993, al Flash Art Museum di Trevi, il critico Gabriele Perretta inaugurava la mostra “Medialismo”. A distanza di 25 anni da quell’evento, ci piace ricordare la breve storia di quello che è stato l’ultimo movimento artistico italiano capace di radunare attorno a sé un nucleo consistente di artisti, da Maurizio Cattelan a Luca Vitone.

Leggi Tutto
Mario Schifano

Mario Schifano: istruzioni per l’uso

di

I recenti record price fatti segnare dalle opere di Mario Schifano nelle ultime aste internazionali hanno definitivamente puntato i riflettori dei collezionisti nostrani su questo caposcuola.In queste fasi di frenesia di mercato il rischio di acquisti compulsivi è sempre dietro all’angolo. Ecco qualche consiglio per evitare errori grossolani.

Leggi Tutto
Cesare Viel, Domande d'Identità, 1999

Le domande d’identità non finiscono mai

di

Nel 1999, l’artista Cesare Viel realizzava il video “Domande d’Identità” che, sul modello dei Comizi d’Amore di Pasolini, interrogava l’Italia su temi come l’omosessualità e le unioni civili. Un lavoro che anticipava il dibattito sollevato dalla legge Cirinnà e testimonianza di come i nostri artisti degli anni Novanta siano stati anticipatori e siano ancor oggi attuali e meritevoli non solo di essere collezionati, ma soprattutto studiati e valorizzati.

Leggi Tutto
Una vista della mostra Magnificent Obsessions: The Artist as Collector alla Barbican Art Gallery (2015)

Investire in arte e i rischi dell’acquisto compulsivo

di

Sempre più persone tendono a sfogare un loro bisogno compulsivo di collezionare investendo cifre importanti del loro patrimonio in “oggetti d’Arte”. Ma la loro tendenza a minimizzare l’importanza delle relazioni personali non li porta però a confrontarsi e a condividere informazioni che possono altresì incidere nelle loro scelte. Scambiarsi conoscenze e esperienze, fare rete fra soggetti competenti ciascuno in un determinato settore, è invece fondamentale per cercare di tutelarsi reciprocamente.

Leggi Tutto
Una vista della mostra "Bologna dopo Morandi 1945-2015"

Mostre: Bologna dopo Morandi 1945-2015

di

La mostra “Bologna dopo Morandi 1945 – 2015” ci fa riscoprire il ruolo del capoluogo emiliano come “Città aperta dell’Arte” in grado di accogliere e dare opportunità ai giovani artisti e di metterli in relazione con i Maestri. Una fucina di idee che Renato Barilli racconta magistralmente.

Leggi Tutto