Artisti

  1. TUTTI |
  2. A
  3. B
  4. C
  5. D
  6. E
  7. F
  8. G
  9. H
  10. I
  11. J
  12. K
  13. L
  14. M
  15. N
  16. O
  17. P
  18. Q
  19. R
  20. S
  21. T
  22. U
  23. V
  24. W
  25. X
  26. Y
  27. Z
Francesco Candeloro, "Sospensioni di Luce (Amsterdam)", 2015, cm. 130 x 141 x 6,5, taglio laser su plexiglas. Vista dell'installazione presso Red Stamp Art Gallery, Amsterdam, 2016

Francesco Candeloro

Luce e colore, spazio e tempo, forma e segno, proporzione, ritmo e movimento, occhio e sguardo sulle persone e sui luoghi, trasparenza, riflesso, stratificazione, molteplicità e compresenza di livelli costituiscono i temi della ricerca artistica e dell’operare di Francesco Candeloro.

Anna Capolupo, Nervi, 2014, tecnica mista su carta applicata su tela, cm 200 x 200. CollezioneBancartis

Anna Capolupo

I paesaggi urbani di Anna Capolupo sono un’istantanea distorta e deforme della realtà. Tutto sembra fermo ma la vita scorre crudele, ingiusta e confusa: dentro i freddi binari, sui ponti di ferro, nei palazzi ammassati e negli incroci deserti, nelle grigie stazioni.

Alessandro Cardinale, Whispering “Future”, 2012. Banco + Faretto + Disegno d’Infanzia + Ombra. Particolare

Alessandro Cardinale

La ricerca di Alessandro Cardinale parte dalla scultura per poi rivolgersi alla perdita dei suoi valori tradizionali come la monumentalità e la pesantezza, attuando un progressivo processo di abbandono della materia.

Linda Carrara, The space between, 2013. Acrilico su tela di lino, 190x160 cm circa

Linda Carrara

Linda Carrara ha nel tratto una percezione nitida delle cose, e le mostra così come sono, ma sempre con un alone di mistero, di abbandono alla natura morta, perché già vissuta in «un’armonia delicata e vibrante, e una luce che l’avvolge, e la gioia ancora grande nel ricordo»

Guglielmo Castelli, Data la situazione, pastelli ad olio e grafite su carta,70 x 50cm, 2016

Guglielmo Castelli

Inserito a gennaio 2016 fra i primi dieci under 30 europei più influenti nel mondo dell’arte, Guglielmo Castelli è uno degli astri nascenti della nuova arte italiana. Transitorietà e fragilità, instabilità e una notevole fluidità caratterizzano l’immaginario frammentato nei disegni e nei dipinti.

Federica Cogo, Pollution #4, 2013. Ritaglio di carta su immagini, 40 x 40 cm

Federica Cogo

Lo stile che contraddistingue Federica Cogo è semplice e diretto, come i materiali e il messaggio che vuole diffondere e che viene, poi, sottolineato attraverso la scelta formale delle tonalità pastello, della semplicità grafica e della prospettiva bidimensionale, che arricchiscono il lavoro di una nota d’ironia e leggerezza.

Michelangelo Consani, DYNAMO: Bicycles against Black Out!, 2010. Courtesy Collezione Centro per l’Arte Contemporanea Lugi Pecci, Prato / Milano .

Michelangelo Consani

Procedendo da un’analisi serrata dei fondamenti concettuali poveristi, in particolare dei concetti di energia, di processo, di vuoto e pieno, di negativo e positivo, banalità, ripetizione e così via, Consani si dedica a un lavoro ambientale a pieno campo che lo porta a interessarsi di teorie fisiche e scientifiche contemporanee.