Segnali d’Arte

Diamo voce ai veri protagonisti dell’arte italiana del XXI secolo: gli artisti

Lapo Simeoni, Mind the Gap, 2010

Lapo Simeoni: l’arte come attivismo

di

In mostra a Narni con Things Left Unsaid, Lapo Simeoni si definisce un artista/attivista e attraverso il suo lavoro ci pone molte domande sul senso dell’arte su temi globali come gli effetti del consumismo globalizzato, le trasformazioni e i conflitti sociali, i simboli e gli stereotipi della contemporaneità. L’abbiamo incontrato per farci raccontare il suo lavoro e conoscere la sua visione dell’arte e del ruolo dell’artista oggi.

Leggi Tutto

Francesco De Prezzo: Null Paintings

di

Dopo la partecipazione, lo scorso anno, alla collettiva Aequilibrium, Francesco De Prezzo (n. 1994) torna alla Loom Gallery di Milano dove, il 22 settembre prossimo, inaugurerà la sua prima personale in galleria: Null Paintings. In vista di questo appuntamento lo abbiamo incontrato nel suo studio per conoscere meglio il suo lavoro che riflette sulla possibilità di rappresentazione della pittura, sul suo tempo di esecuzione e sulla rapida perdita del lavoro eseguito

Leggi Tutto
Emmanuele De Ruvo, Hypermnetic British Cafe, 2010. Courtesy: Montoro12 Contemporary Art

Gli equilibri “precari” di Emmanuele De Ruvo

di

Lastre di vetro, piani di ardesia, binari in marmo, magneti, esili fogli di carta da cui pendono pesanti macchine da scrivere, complesse strutture in equilibrio precario e forze contrapposte che si annullano sono gli elementi con cui Emmanuele De Ruvo (n. 1983) dà vita ad una vera e propria estetica del bilanciamento perfetto, intesa come metafora della vita, sia di quella organica che di quella psicologica.

Leggi Tutto
Michael Rotondi è nato a Bari nel 1977 e oggi vive e lavora a Milano

L’arte di Michael Rotondi: tra musica e memoria

di

Una fede incrollabile nell’arte che, per lui, è prima di tutto “bene comune, sociale e pubblico” e che non deve omologarsi per compiacere il mercato. Michael Rotondi (n. 1977) è l’artista del mese di Collezione da Tiffany. In questa intervista ci parla dei suoi ultimi lavori, dei suoi progetti “collettivi” e di come vede le nuove generazioni.

Leggi Tutto
Donatella Izzo, Malachite (particolare), 2011 (dalla serie: Forse così non mi si vede)

Fotografia: le visioni intime di Donatella Izzo

di

Donatella Izzo (n. 1979) è l’artista emergente che Collezione da Tiffany ha scelto per il numero di gennaio di Segnali d’Arte. Autrice di fotografie di rara intensità, la sua opera è costantemente attraversata da una tensione intima che, partendo da elementi eminentemente autobiografici, investe chi guarda con incredibile forza.

Leggi Tutto