Storia&Storie

Racconti, immagini e visioni dal mondo dell’arte, della cultura e del collezionismo

Clare McAndrew e Rachel A. J. Pownal autrici. rispettivamente, del TEFAF Art Market Report 2017 e del rapporto sul mercato di Art Basel

TEFAF vs Art Basel: è guerra di dati sull’andamento del mercato

di

Nell’arco di un paio di settimane sono stati pubblicati due dei più completi rapporti suo mercato globale dell’arte, ma i due studi ci consegnano due scenari diametralmente opposti. Secondo il TEFAF Art Market Report il mercato dell’arte nel 2016 è cresciuto del +1.7%, mentre per The Art Market 2017 sarebbe crollato del -11%. Un balletto di cifre che rischia di rendere inutili queste pubblicazioni.

Leggi Tutto
Giovanni Capriotti, Italy: Boys Will Be Boys. Foto vincitrice della sezione Sport Stories

World Press Photo: Italia seconda nel medagliere dopo gli U.S.A.

di

Oltre 5000 i fotografi internazionali che anno partecipato all’edizione 2017 del Photo Contest della World Press Photo Foundation di Amsterdam. Forte la partecipazione italiana: ben 416 i nostri concorrenti di cui 4 vincitori. Il nostro Paese si è piazzato al secondo posto nel palmares secondo solo agli Stati Uniti, presenti con 5 fotografi. In tutto erano 126 paesi partecipanti.

Leggi Tutto
Damien Hirst al museo Madre di Napoli fotografato vicino all'opera Heaven nel 2010, quando l'artista venne in Italia per l'esposizione, sempre al Madre, dell'opera When Logic Dies del 1991.

Fu vera gloria? Damien Hirst a Venezia (prequel)

di

Su Damien Hirst si è detto e scritto di tutto. Giudizi su cui spesso hanno pesato le sue trovate mediatiche e i tanti pregiudizi nati da esse. In vista della grande mostra monografica che aprirà a Venezia il 9 aprile prossimo proviamo a riprendere il filo del discorso e ad affrontare la sua opera da un punto di vista più oggettivo. Per capire come mai alcune opere di Damien Hirst sono diventate icone dell’arte degli anni Novanta e Duemila.

Leggi Tutto
Ana Lupas - The Solemn Process, 1964-2008

Una gita a… Bucarest: arte contemporanea in Romania

di

Dite la verità: cosa conoscete di arte contemporanea romena? Credo che i primi nomi che vengano in mente nel rispondere a questa domanda, per motivi quasi opposti e includendo involontariamente in un arco temporale tutto il Novecento, siano quelli di Constantin Brâncuşi e di Adrian Ghenie. Ecco, allora, un breve viaggio nella scena artistica della Romania, tra musei d’arte contemporanea e le gallerie di tendenza che animano il centro di Bucarest.

Leggi Tutto
Il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha annunicato, nell'ottobre scorso, la nascita dell'Italian Council per la promozione dell'arte italiana contemporanea.

Italian Council: chi lascia la strada vecchia per la nuova…?

di

Nell’ottobre scorso il Ministro Franceschini ha annunciato la nascita dell’Italian Council per sostenere l’arte contemporanea. Un’operazione, sulla carta, interessante e innovativa, ma che appare farraginosa e lenta se finalizzata alla sola promozione commerciale del contemporaneo italiano: perché, infatti, portare le opere (poche) all’estero quando con un’efficace misura fiscale si potrebbero più facilmente attirare (tanti) nuovi acquirenti nel nostro paese?

Leggi Tutto
CULTURA E URBAN RENEWAL: IL CASO CHISHIMA REAL ESTATE

Cultura e Urban Renewal: il caso Chishima Real Estate

di

Dal 2004 la giapponese Chishima Real Estate, ha avviato una serie di interventi legati all’arte per riqualificare gli immobili abbandonati. Un approccio che potrebbe essere adottato anche in Italia, dove ci sono più di 6 milioni gli edifici abbandonati. Ma l’eterna diatriba tra pubblico e privato frenano questo fenomeno che potrebbe invece, far rinascere interi quartieri.

Leggi Tutto