Editoriale

Riflessioni e ragionamenti sul mondo dell’arte e del collezionismo

Foto di Martina Vanzo © FAI-Fondo Ambiente Italiano

La campagna del FAI che Non ci piace

di

La nuova campanga del programma Corporate Golden Donor del FAI ha il solito tono di chi si rivolge ai privati solo in qualità di “portafogli” senza la minima attenzione e coinvolgimento. E questo non ci piace per niente. Il perché ce lo spiega Stefano Monti in questo editoriale.

Leggi Tutto

Europeana e il grande lavoro da fare

di

Europeana è un portale web, una consistente banca dati di contenuti culturali digitalizzati provenienti da numerosissime organizzazioni dei Paesi dell’Unione, ma oggi langue in uno stato di disattenzione generale. Una call della Commissione UE cerca adesso di rilanciarlo ma il lavoro da fare è tantissimo.

Leggi Tutto
Una vista della mostra "Klimt Experience" che si è tenuta alla Chiesa di Santo Stefano al Ponte di Firenze.

Mostre digitali? Sì grazie!

di

Le mostre experience, vale a dire esposizioni in luoghi reali di opere d’arte in formato digitale stanno via via guadagnandosi un loro ruolo all’interno dello scenario espositivo contemporaneo. Molti le criticano, ma possono essere un ottimo strumento per avvicinare giovani e meno giovani all’arte. Ecco perché.

Leggi Tutto
Clare McAndrew e Rachel A. J. Pownal autrici. rispettivamente, del TEFAF Art Market Report 2017 e del rapporto sul mercato di Art Basel

TEFAF vs Art Basel: è guerra di dati sull’andamento del mercato

di

Nell’arco di un paio di settimane sono stati pubblicati due dei più completi rapporti suo mercato globale dell’arte, ma i due studi ci consegnano due scenari diametralmente opposti. Secondo il TEFAF Art Market Report il mercato dell’arte nel 2016 è cresciuto del +1.7%, mentre per The Art Market 2017 sarebbe crollato del -11%. Un balletto di cifre che rischia di rendere inutili queste pubblicazioni.

Leggi Tutto
Il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha annunicato, nell'ottobre scorso, la nascita dell'Italian Council per la promozione dell'arte italiana contemporanea.

Italian Council: chi lascia la strada vecchia per la nuova…?

di

Nell’ottobre scorso il Ministro Franceschini ha annunciato la nascita dell’Italian Council per sostenere l’arte contemporanea. Un’operazione, sulla carta, interessante e innovativa, ma che appare farraginosa e lenta se finalizzata alla sola promozione commerciale del contemporaneo italiano: perché, infatti, portare le opere (poche) all’estero quando con un’efficace misura fiscale si potrebbero più facilmente attirare (tanti) nuovi acquirenti nel nostro paese?

Leggi Tutto
CULTURA E URBAN RENEWAL: IL CASO CHISHIMA REAL ESTATE

Cultura e Urban Renewal: il caso Chishima Real Estate

di

Dal 2004 la giapponese Chishima Real Estate, ha avviato una serie di interventi legati all’arte per riqualificare gli immobili abbandonati. Un approccio che potrebbe essere adottato anche in Italia, dove ci sono più di 6 milioni gli edifici abbandonati. Ma l’eterna diatriba tra pubblico e privato frenano questo fenomeno che potrebbe invece, far rinascere interi quartieri.

Leggi Tutto