Emmanuele De Ruvo

  1. TUTTI |
  2. A
  3. B
  4. C
  5. D
  6. E
  7. F
  8. G
  9. H
  10. I
  11. J
  12. K
  13. L
  14. M
  15. N
  16. O
  17. P
  18. Q
  19. R
  20. S
  21. T
  22. U
  23. V
  24. W
  25. X
  26. Y
  27. Z
Save pagePDF pageEmail pagePrint page

Emmanuele De Ruvo

Data di Nascita: 1983

Luogo di Nascita: Napoli

Vive a: Napoli

Lavora a: Napoli

Formazione: Accademia di Belle Arti di Napoli

Sito Web: http://emmanuelederuvo.com

Gallerie: Galleria Montoro12 Contemporary Art  (RM)

In breve

Lastre di vetro, piani di ardesia, binari in marmo, magneti, esili fogli di carta da cui pendono pesanti macchine da scrivere, complesse strutture in equilibrio precario e forze contrapposte che si annullano sono gli elementi con cui Emmanuele De Ruvo dà vita ad una vera e propria estetica del bilanciamento perfetto, intesa come metafora della vita, sia di quella organica che di quella psicologica. Tutta la vita, d’altronde, come spiega lo stesso artista, «è sempre una delicata questione d’equilibrio». Ecco, allora, che le spinte, le pressioni, le trazioni e le contrapposizioni di pesi sono, nell’opera di De Ruvo, un mezzo di indagine tanto delle forze che si “scontrano” nel singolo individuo quando di quelle che “controllano” la nostra società. Nel 2010 De Ruvo ha esposto presso la White Box Gallery di New York e ha tenuto la sua prima personale alla Milk & Lead Gallery di Londra. Nello stesso anno vince l’Italian figurative art price tenuto a Stoccolma dalla Maecenas Sverige e nel 2012 vince il Premio Internazionale di Scultura Umberto Mastroianni. Sempre nel 2012 presenta lavori al MUSMA – Museo della Scultura Contemporanea di Matera alla mostra Periplo della scultura italiana contemporanea3, curato da Giuseppe Appella e Marta Ragozzino, esponendo assieme, tra gli altri, a Francesco Arena, Giuseppe Capitano, Perino & Vele, Donato Piccolo, Nico Vascellari, Antonella Zazzera. Lo stesso è ospitato al MUSMA anche con una residenza, sfociata in una doppia personale con Giuseppe Capitano. Nel 2014 vince il premio Euromobil Under 30 ad Artefiera Bologna, per l’opera preferita dai visitatori e il premio Arte nel Giardino di Irene Brin, organizzato in collaborazione con la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, nel 2015 ha partecipato alla mostra La scultura dopo il 2000 al Museo FRAC di Baronissi. Nel 2013 la Galleria Montoro12 ospita la sua prima mostra personale, avviando da quel momento una politica di promozione dell’arte di De Ruvo, sostenendo sue mostre anche in altre sedi e in alcune delle maggiori fiere d’arte in Italia e all’estero. Sue opere si trovano nelle collezioni permanenti del MUSMA, della Fondazione San Gennaro di Napoli, della Fondazione Irene Brin e in importanti collezioni private in Italia, Germania, Belgio e Stati Uniti

Opere

Clicca sulle immagini per vedere lo Slideshow

Per gli alchimisti, che erano cercatori del profondo, lo stadio spirituale dell’oro corrispondeva, in termini filosofici, al raggiungimento della fusione degli opposti, per la percezione della grande unità che sostiene e innerva la vita. E’ questo che spinge Emmanuele De Ruvo a perseguire nelle sue sculture il bilico perfetto, il bilanciamento assoluto e la quiete che reca l’equilibrio.

(Guglielmo Gigliotti – Critico d’arte e docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli)

© 2016, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.