Federica Cogo

  1. TUTTI |
  2. A
  3. B
  4. C
  5. D
  6. E
  7. F
  8. G
  9. H
  10. I
  11. J
  12. K
  13. L
  14. M
  15. N
  16. O
  17. P
  18. Q
  19. R
  20. S
  21. T
  22. U
  23. V
  24. W
  25. X
  26. Y
  27. Z
Save pagePDF pageEmail pagePrint page
Federica Cogo

Federica Cogo

Data di Nascita: 1985

Luogo di Nascita: Verona

Vive a: Verona

Lavora a: Verona

Formazione: Accademia di Belle Arti Cignaroli (VR)

Sito Web: federicacogo.wordpress.com

Gallerie: The Format Contemporary Culture Gallery (MI)

In Breve

Federica Cogo indaga l’uomo e la sua natura. Attraverso diversi linguaggi e ricerche, lo analizza e lo interroga, costantemente. Il suo rapporto con l’indagine è distaccato, oggettivo; possiamo dire scientifico, ma veicolato da una scelta ironica del comunicare. L’artista cerca una verità, e quando la trova la veste di colori pastello, o la mette dentro giocattoli in plastica, la trasforma in animazioni. Lei inganna, nasconde e rivela, patina rivelazioni scomode per entrare; nell’occhio di chi guarda, nella mente di chi osserva. Lei è convinta che questo sia lo scopo dell’arte. Dal 2011 ad oggi, Federica Cogo ha partecipato a varie collettive sia in Italia che all'estero. Tra queste sono da ricordare: II gioco della fotografia, Galleria PH Neutro, Verona (2012); JCE Jeune Création Européenne, Montrouge, Francia, a cura di Stéphane Corréard (2013); From painting to animation, Academy of fine art, Sichuan, Cina (2014). La sua prima personale è del 2013: POLLUTION, Caochangdi International Art District, Pechino, Cina, a cura di Cecilia Freschini. Finalista in vari premi d'arte, nel 2013 ha vinto il 7°International Art Prize Laguna e il premio speciale JCE Jeune Création Européenne al CO.CO.CO. Como Contemporary Contest. Nel 2008, infine, ha vinto lo Young Artist Prize, a cura di Fair Play S.r.l -

Opere

Clicca sulle immagini per vedere lo slideshow

Lo stile che contraddistingue Federica Cogo è semplice e diretto, come i materiali e il messaggio che vuole diffondere e che viene, poi, sottolineato attraverso la scelta formale delle tonalità pastello, della semplicità grafica e della prospettiva bidimensionale, che arricchiscono il lavoro di una nota d’ironia e leggerezza. (Cecilia Freschini, curatrice)

© 2014 – 2016, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.