Report: Il collezionismo italiano di arte moderna e contemporanea

Una collezionista ad ArtVerona. Courtesy: ArtVerona | Art Project Fair
Una collezionista ad ArtVerona. Courtesy: ArtVerona | Art Project Fair
Save pagePDF pageEmail pagePrint page

Se l’Italia avesse un rapporto meno “stravagante” con tutto quello che è arte e cultura, probabilmente ne sapremmo di più sul nostro collezionismo di cui, invece, abbiamo solo un’immagine teorica. Un disinteresse incomprensibile, che porta a situazioni paradossali come l’assenza di una voce relativa agli acquisti nelle indagini sulla partecipazione culturale nel nostro Paese. Chi, più di un collezionista, partecipa la cultura? Probabilmente nessuno. I collezionisti visitano mostre e musei; frequentano gallerie, fiere e atelier; acquistano libri, riviste e soprattutto… comprano arte.

Il risultato di questo mancato interessamento è che del nostro collezionismo, inteso come fenomeno complessivo, sappiamo poco e che nel parlarne ci affidiamo ad un’immagine un po’ antiquata, basata più su quello che è stato. Le informazioni più aggiornate che abbiamo sono spesso, infatti, quelle relative ai nomi di coloro che annualmente, riviste come ARTnews, inseriscono nelle classifiche dei Grandi Collezionisti; o quello che si può evincere dai vari report o indagini sul mercato. Eppure sapere come si muovono i collezionisti è un’informazione importante per tutti coloro che lavorano nel mondo dell’arte. Per questo, in collaborazione con ArtVerona | Art Project Fair, che dedica un’attenzione sempre più mirata al mondo del collezionismo attraverso iniziative taylor-made, Collezione da Tiffany ha deciso di realizzare una prima indagine sul collezionismo italiano nel XXI secolo.

Un numero zero che, pur basandosi su un campione ristretto di 200 persone e che quindi non si può considerare esaustivo di un campo così vasto di indagine, già fornisce alcuni primi elementi chiave per comprendere come si muovono oggi i nostri collezionisti.

 

I dati principali del Report 2016

 


  • Il 77% dei collezionisti italiani risiede nelle regioni del Nord Italia;
  • 60 anni è l’età media dei collezionisti italiani e l’87% di loro è di sesso maschile;
  • Il 63% dei collezionisti italiani è in possesso di una Laurea se non addirittura di un dottorato o di un master;
  • La maggioranza di loro opera nel settore dei servizi (64%);
  • Nel 39% dei casi si tratta di collezionisti italiani di prima generazione;
  • Il 67% delle collezioni sono iniziate tra la metà degli anni Novanta e il 2010;
  • Il 50% delle collezioni italiane comprende tra 11 e 50 opere;
  • La pittura è il medium più diffuso nelle collezioni italiane (32%) seguita da scultura (18%) e fotografia (15%);
  • I collezionisti italiani visitano almeno 3 fiere all’anno e acquistano principalmente in gallerie d’arte (32%), nelle aste (21%) o in fiera (18%);
  • Fiere, Aste e Web sono i canali che maggiormente li influenzano nelle loro scelte;
  • Il 71% dei collezionisti italiani compra circa 5 opere all’anno;

 

Scarica il Report completo

 

Il pdf. completo del Report 2016 dedicato al collezionismo italiano di arte moderna e contemporanea è scaricabile gratuitamente cliccando sul pulsante qui sotto.

 

SCARICA IL REPORT COMPLETO (.pdf)

 

© 2016, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.

3 Commenti

I commenti sono chiusi