Arte & Fisco | Obblighi dichiarativi per le opere d’arte detenute all’estero: il quadro RW

I collezionisti che decidono di investire in opere d’arte all’estero devono valutare il sorgere di un adempimento fiscale aggiuntivo in fase di presentazione del proprio Modello Redditi. La normativa tributaria italiana prevede un monitoraggio per gli investimenti detenuti all’estero, ovvero un obbligo che riguarda le persone fisiche e gli enti non commerciali residenti in Italia.

Progressivamente il monitoraggio è stato reso sempre più stringente dall’Amministrazione Finanziaria: dal 2009 devono, infatti, essere indicati nel Modello Redditi Persone Fisiche anche le opere d’arte e gli oggetti preziosi detenuti all’estero, indipendentemente dalla loro effettiva produzione di reddito imponibile in Italia.

Abbonati subito a CdT PRO!

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO

PUOI ABBONARTI SUBITO A PARTIRE DA 40 € ALL'ANNO IVA INCLUSA!

 

ABBONATI ORA

 

SE HAI GIA' UN ACCOUNT, EFFETTUA IL LOGIN E PROSEGUI NELLA LETTURA:

 

Per maggiori info e consulenze: