ARTE Generali lancia una nuova polizza “all-risk” per Musei e Fondazioni

Foto di iSAW Company da Pixabay

ARTE Generali, la business unit del Gruppo Generali dedicata ai collezionisti d’arte lanciata a fine 2019 e da poco arrivata anche in Italia, espande la sua gamma di polizze per l’arte per servire collezioni aziendali, musei, fondazioni e mostre temporanee. (Leggi anche -> Collezionismo e Assicurazioni: ARTE Generali arriva in Italia)

Ad annunciarlo è stato oggi Jean Gazançon, CEO della business unit dedicata all’arte. «Il lancio della nuova soluzione per clienti istituzionali è parte fondante della nostra strategia di crescita – ha commentato – A poco più di un anno dal lancio di ARTE Generali lanciamo una soluzione che ci permette di offrire un servizio più completo ed essere ‘partner di vita’ di un insieme più ampio di attori del mondo dell’arte, oltre ai collezionisti privati».

Jean Gazançon, CEO ARTE Generali

La nuova soluzione per clienti istituzionali di ARTE Generali si distingue per una copertura assicurativa “all-risk” ad elevata capacità in termini di valori assicurabili.

Questa copertura include, tra le altri componenti, un’assicurazione “chiodo-a-chiodo”, libertà di spostare il luogo di conservazione delle opere e protezione assicurativa per il trasporto. La nuova polizza è, inoltre, personalizzata e assicura la presa in carico immediata e competente attraverso un servizio di gestione dei sinistri dedicato.

L’ambizione di ARTE Generali, spiegano dalla società di assicurazioni, è quella di replicare la configurazione modulare del suo prodotto per collezionisti privati. Pertanto, la copertura assicurativa sarà integrata con  servizi di “concierge” per fornire la migliore assistenza disponibile sul mercato, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, nonché con strumenti digitali.