Arte in Trust: il trust di “scopo” quale strumento di gestione dei patrimoni artistici

Foto di StockSnap da Pixabay

Sino ad ora abbiamo percorso il nostro itinerario nell’”Arte in Trust” focalizzando la nostra attenzione, sotto i profili giuridici e fiscali, sui Trust posti in essere da un Disponente animato dalla finalità di tramandare agli eredi e proteggere il proprio patrimonio di beni artistici e culturali.

Abbiamo tuttavia intrapreso tale percorso premettendo che l’istituto del Trust ha nel polimorfismo e nella capacità di rispondere ad un campionario alquanto eterogeneo di esigenze una delle proprie peculiarità più rimarchevoli.

È giunto pertanto il momento, proseguendo nel filone della gestione proattiva dei patrimoni artistici intrapreso nel precedente articolo, di volgere lo sguardo verso una diversa, ma altrettanto funzionale, tipologia di Trust, il Trust di “scopo”.

Abbonati subito a CdT PRO!

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO

PUOI ABBONARTI SUBITO A PARTIRE DA 40 € ALL'ANNO IVA INCLUSA!

 

ABBONATI ORA

 

SE HAI GIA' UN ACCOUNT, EFFETTUA IL LOGIN E PROSEGUI NELLA LETTURA: