Giovani, minoranze e campioni del mercato: ecco la 58° Biennale di Venezia

Rompere gli schemi senza romperli. E’ questo il pensiero che mi ruota nella testa appena uscito da May You Live in Interesting Times, la mostra centrale della 58° Biennale di Venezia curata da Ralph Rugoff – direttore della Hayward Gallery di Londra e già curatore della Biennale di Lione nel 2015 -, che aprirà al pubblico questo sabato.

L’arrivo di un vaporetto ai Giardini della Biennale Biennale

La mostra è certamente bella e ha il pregio di colmare un ritardo di due anni, intercettando oggi alcuni dei trend più importanti che stanno attraversando il mondo dell’arte. In primo luogo l’affermarsi, in modo deciso, della produzione artistica del continente africano, strettamente correlata alla rinnovata attenzione per gli artisti afroamericani, “figli” della diaspora. Fino ad arrivare ad una maggior presenza di donne. Oltre a proporre una produzione giovane e, con essa, linguaggi nuovi come l’arte digitale o la realtà virtuale, che raramente trovano spazio in momenti istituzionali come questi.

L’ingresso della Biennale

Tutti elementi positivi, che se fossero stati presenti due anni fa avrebbero certamente fatto parlare di una Biennale assolutamente all’avanguardia. Oggi che alcuni dei nomi di punta della mostra sono già stati incoronati dal mercato delle aste con record milionari e fanno mostra di sé nei salotti di qualche cacciatore di “trofei”, l’idea che si affaccia nella mente è, invece, quella di una Biennale certamente aggiornata, ma anche un po’ alla moda. Specie se si considera l’ampio spazio, ad esempio, che hanno i lavori di Hanry Taylor (n. 1958), della giovane nigeriana Nijdeka Akunyili Crosby (n. 1983) o della statunitense Avery Singer, il cui valore di mercato, nell’ultimo biennio, è cresciuto e non di poco.

Una vista della sala, nel Padiglione Centrale dei Giardini, con le opere di Nijdeka Akunyili Crosby

Insomma, un’arte tutto sommato poco indipendente e dal sapore piuttosto radical chic nel suo soddisfare le esigenze di “espiazione” di certi ambienti culturali d’élite senza però eccedere o assumere atteggiamenti sconvenienti. Tutto molto politicamente corretto, con pochi lavori veramente forti.

E se è, comunque, da apprezzare il fatto che May You Live in Interesting Times dia voce ad una nuova generazione di artisti, invece di celebrare, come successo più volte in passato, solo personalità ormai storicizzate (impressionante il numero di artisti nati dopo il 1980 presenti in questa edizione della Biennale) è anche vero che la presenza, su 80 nomi invitati, di ben 17 artisti statunitensi e 21 europei la rende una mostra piuttosto occidentocentrica. Oltre al fatto che 27 vivono e lavorano negli U.S.A.

Una vista della mostra all’Arsenale

Aspetti non da poco, considerate le premesse, e che mettono un po’ in crisi la dichiarazione del curatore che, durante la presentazione del suo progetto, aveva promesso che la mostra sarebbe stata un invito a “considerare alternative e punti di vista sconosciuti” per poter così “rimettere in discussione i nostri punti di riferimento” e “guidarci a vivere e pensare in questi tempi” in cui la nostra esistenza appare così precaria. Eppure sarebbe stato veramente interessante cercare di immaginare nuovi percorsi partendo da uno sguardo sul mondo non per forza legato alle metriche occidentali. Peccato.

Peraltro l’effetto sperato è raggiunto proprio grazie alle opere di artisti non occidentali. Detto questo, è però da apprezzare il fatto che, pur puntando sul mettere in evidenza (cito) “un approccio generale al fare arte e su una visione della funzione sociale dell’arte che includa sia il piacere che il pensiero critico”, la mostra non cada mai sul “politicizzato” spinto. Oltre al fatto che le opere proposte sono decisamente di ottima qualità, a differenza di quelle viste due anni fa.

Un trittico di Henry Taylor

Inconsueta l’impostazione della mostra, suddivisa come sempre tra gli spazi dell’Arsenale e del Padiglione Centrale ai Giardini, con la particolarità, però, che questa volta ci troviamo di fronte a due esposizioni distinte: Proposta A, all’Arsenale, e Proposta B, nel Padiglione Centrale.

Gli artisti sono tutti presenti in entrambe le sedi, ma in ciascuna espongono opere di genere talvolta completamente diverso. Questo per dare risalto all’approccio multidimensionale del fare arte e allo sperimentare più medium per dare voce a differenti modi di pensare e di affrontare problematiche di ampia portata.

Tavares Strachan, Robert, 2018

Tra i lavori più interessanti esposti in mostra, quelli del bahamese Tavares Strachan che, con la sua ricerca artistica, affronta i problemi relativi alla verità e alla visibilità nella nostra costruzione del sapere e della storia. La sua serie Hidden Histories (Arsenale), ad esempio, si compone di sculture in onore al contributo di personaggi radicali come Robert Henry Jawrence jr, ossia il primo astronauta afroamericano, morto nel 1967 durante un’esercitazione e il cui nome è stato volutamente rimosso dalla “mitologia” aerospaziale americana per questioni razziali.

Shilpa Gupta, For, in your tongue, I cannot fit, 2017-2018

Molto forte, l’installazione di Shilpa Gupta, For, in your tongue, I cannot fit (Arsenale), con cui l’artista indiana affronta la violenza della censura attraverso una sinfonia di voci che declamano o cantano i versi di 100 poeti incarcerati per le loro opere o per le loro posizioni politiche, dal VII secolo fino ai giorni nostri.

Teresa Margolles, La Búsqueda, 2014

Forza che ritroviamo, ancor più diretta, anche in La Bùsqueda (Arsenale), lavoro del 2014 della messicana Teresa Margolles che esamina da una prospettiva femminista le brutalità della narcoviolenza che affliggono il Messico.

Una vista dei lavori di Frida Orupabo

Si focalizza sulla rappresentazione del corpo nero femminile, soprattutto nel suo rapporto con la circolazione di immagini nella cultura mediatica, invece, la norvegese Frida Orupabo che realizza grandi collage cartacei (Padiglione Centrale).

Kemang Wa Lehulere, Dead Eye, 2018

Il sudafricano Kemang Wa Lehulere ci proietta, con la delicatissima e sofferta installazione Dead Eye (Arsenale), nel Sudafrica delle leggi razziali, dell’apartheid e delle sanguinose repressioni degli anni Settanta.

Michael Armitage, The Paradise Edict, 2019

Così come i dipinti del kenyano Michael Armitage aprono il nostro sguardo sulle manifestazioni politiche che hanno portato, nel 2017, alle elezioni generali in Kenya, consegnandoci la visione di una realtà sospesa tra una sublime vitalità e la minaccia incombente della violenza.

Julie Mehretu, Sing, Unburied, Sing (J.W.), 2018

E ancora proteste, incendi ed eventi di grande carica emotiva fanno da sfondo ai grandi dipinti dell’etiope Julie Mehretu dove, come accade nello stupendo Sing, Unburied, Sing (Padiglione Centrale), le immagini che la “ossessionano” si trasformano in una imprimitura vaga e irriconoscibile, cercando di dare un senso a ciò che spesso è reso invisibile.

Suki Seokyeong Kang, Grandmother Towers, 2013-2019

La pratica multiforme del coreano Suki Seokyeong Kang si concentra, invece, sullo spazio e sul ruolo odierno dell’individuo. Come nel caso di Grandmother Towers (Padiglione Centrale), dove le curve dei suoi astratti ritratti scultorei richiamano la schiena ingobbita della nonna di Kang, figura che per l’artista ha incarnato gli sconvolgimenti della storia coreana moderna.

Otobong Nkanga, Veins Aligned, 2018

Il paesaggio è letto come un corpo che nutre e accudisce, ma che è anche razziato, sfregiato ed avvelenato nel lavoro di Otobong Nkanga, artista nigeriano autore di Veins Aligned (Arsenale), lunga linea di 26 metri realizzata in marmo e le cui chiazze richiamano alla mente l’inquinamento dovuto allo sfruttamento coloniale e postcoloniale. Molto belle, peraltro, anche le sue carte esposte nel Padiglione Centrale e che ci ricordano come gli oggetti e le azioni non sono isolati, ma c’è sempre un impatto.

Arthur Jafa, Big Wheel I, 2018

Dall’Africa nera alla realtà afro-americana con Arthur Jafa, la cui pratica artistica si concentra su modalità espressive specificatamente nere e sulla sfida di come presentare il mondo dalla prospettiva di chi è nero attraverso vari tipi di media come nella serie Big Wheel (Arsenale). E sempre la realtà dell’esperienza degli afroamericani è al centro del lavoro di Henry Taylor come nel bellissimo Another Wrong del 2013 (Padiglione Centrale).

Alex Da Corte, The Decorated Shed, 2019

Mentre Alex Da Corte, con le sue opere immersive, come The Decorated Shed (Padiglione Centrale), dal sapore nostalgico e vagamente apocalittico, narra storie utilizzando un vortice di memorabilia americani, permeati tanto da rimandi culturali alti quanto da cultura popolare.

Tarek Atoui, The Ground, 2018

Il libanese Tarek Atoui, invece, con l’installazione sonora The Ground (Arsenale), che unisce musica e arte contemporanea, amplia il concetto dell’ascolto attraverso una performance partecipativa e collaborativa.

Anicka Yi, Biologizing the machine (tentacular trouble), 2019

Bellissime, infine, le sculture biomorfe della coreana Anicka Yi che rievocano da un lato fluidi corporei, contaminazione e malattia; dall’altro, la melma e la muffa che da secoli pervadono e degradano la città di Venezia.

5 Commenti

  • Fab12 ha detto:

    Trovo fantastico il lavoro che qui ci hai mostrato di Teresa Margolles… non la conoscevo e corro subito ad indagare… grazie per la segnalazione.

    • Nicola Maggi Nicola Maggi ha detto:

      Devo dire che al di là delle varie considerazioni, la proposta artistica è eccellente e anche il fatto di mostrare il lavoro che gli artisti fanno su vari supporti aiuta ad apprezzare maggiormente il loro lavoro.

  • marco meneguzzo ha detto:

    Ralph Rugoff rimane per me una grande persona sono anni che lo seguo ed ogni volta non mi delude, è stato bravo e questo mi basta, le premesse sentite ad Art Basel l’anno scorso erano ottime (ps nessun italiano ad ascoltarlo), e le conferme ci sono state…….su parecchio che ha detto sono totalmente in accordo con Lei su altro decisamente no…….un unico appunto polemico se mi posso permettere, la battuta sui ‘cacciatori di trofei’ propio non la capisco, un abbraccio e con rinnovata stima un cordiale saluto

    • Nicola Maggi Nicola Maggi ha detto:

      Era un riferimento ad un certo collezionismo che strapaga artisti giovani, tutto qui. Comunque la mostra è molto bella e, mi pare, superi di gran lunga la maggior parte dei padiglioni nazionali. In primis quello italiano che mi è parso piuttosto modesto.

  • armellin ha detto:

    Ralph Rugoff ha valutato il mio progetto senza vederlo e vedermi di persona, ed é invece la mia opera che fa la differenza anche fuori dalla Biennale o forse proprio perché fuori dalla Biennale, il Padiglione Italia non fa testo ed é il biglietto di uscita dal Governo per il Ministro Bonisoli. E’ sotto inteso cmq il rispetto per tutti i colleghi. Come scrisse Klimt c’é sempre da imparare anche dalle mostre mediocri, e la Biennale di Ralph Rugoff é mediocre. In una Venezia che produce 28 milioni di visitatori l’anno, la Biennale di Baratta non raggiunge ancora il milione di visitatori, serve un nuovo Presidente. SA

I commenti sono chiusi