Collezionista o Speculatore? Una sentenza del tribunale fa chiarezza

Foto di witwiccan da Pixabay. Immagine distribuita con Pixabay License: libera per usi commerciali, attribuzione non richiesta.

Come ho già avuto modo di scrive in altri articoli, non mai semplice definire i confini fra i soggetti cd. “professionali” che operano nel mondo dell’arte e coloro che in realtà sono semplici amatori, ovvero fra coloro che possono essere identificabili con la figura del mercante d’arte e coloro che possono essere definiti semplici appassionati.

Inoltre, una netta demarcazione fra i vari “ruoli” non è nemmeno offerta dalla Legge che non distingue in modo netto le fattispecie che identificano il collezionista privato e che aiutino a distinguerlo dallo speculatore, ancorché occasionale.

In tali situazioni, come spesso accade, le definizioni vengono ricavate per deduzione dai pareri della giurisprudenza, come nel caso in commento della Sentenza n.1412 del 18 settembre 2018 della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte.

Abbonati subito a CdT PRO!

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO

PUOI ABBONARTI SUBITO A PARTIRE DA 40 € ALL'ANNO IVA INCLUSA!

 

ABBONATI ORA

 

SE HAI GIA' UN ACCOUNT, EFFETTUA IL LOGIN E PROSEGUI NELLA LETTURA: