Cosimo Veneziano

Cosimo Veneziano. Nato nel 1983 a Moncalieri (TO), vive e lavora a Leeds.

Data di Nascita: 1983

Luogo di Nascita: Moncalieri (TO)

Vive a: Leeds

Lavora a: Leeds

Formazione: Accademia Albertina di Belle Arti, Fondazione Antonio Ratti

Sito Web:

Gallerie: Galleria Alberto Peola (Torino), Galleria Renata Fabbri (MI)

In breve

La ricerca di Cosimo Veneziano è da sempre collegata alla lettura di archivi, l’uso di interviste e fonti reali, con l’obiettivo di riformulare le informazioni in sculture e installazioni. Il suo scopo è di consentire agli aspetti invisibili che compongono la collettività di emergere. Un'immagine tratta dal racconto di Paul Austen, Trilogia di New York, può descrivere la sua pratica: il protagonista raccoglie un ombrello rotto, e in quel momento si chiede come poter chiamare quell'oggetto, perché il termine normalmente usato, implica una serie di caratteristiche che sono venute a mancare dopo il suo danneggiamento. Così la ricerca di Veneziano tenta di capire se in una condizione di rottura, dove il soggetto appare tronco, violato, non si celi una operatività altra. Attraverso una tassonomia di progetti e storie dove l'abbandono e la censura hanno occultato o cambiato la prospettiva del cambiamento. Dal 2007, anno del suo debutto, i suoi lavori sono stati esposti in mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Tra le sue ultime personali sono da ricordare Monochrome, Villa Sträuli, Winterthur 2015; L’Epoca Delle Passioni Tristi, TICA – Tirana Institute for Contemporary Art, Tirana 2011. Nel 2013 è stato selezionato dal programma Resò Networking per la residenza Lugar a Dudas, a Santiago de Cali in Colombia, e da C.A.R.S, progetto di residenze che si tiene ad Omegna.

Opere

Clicca sulle immagini per vedere lo Slideshow

I lavori di Veneziano procedono tutti da una inconsueta attitudine all’archeologia del rimanente, puntando a eleggere un oggetto o un simbolo negletto come sostegno per racconti che tentano un’opposizione all’ossessione del visibile, della verità dichiarata e infrangibile.

(Pietro Gaglianò – critico e curatore indipendente)

© 2016 – 2018, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.