Studio Trisorio

Riviera di Chiaia 215
Napoli
Tel.:+ 39 081 414306
[email protected]
http://www.studiotrisorio.com/

Inaugurato nel 1974 con una mostra di Dan Flavin, il programma espositivo della galleria Studio Trisorio intreccia fin da subito pittura e scultura con i nuovi linguaggi dell’arte – la fotografia, il video e l’installazione. Artisti quali Jean-Michel Alberola, Marco Bagnoli, Bill Beckley, Alighiero Boetti, Lawrence Carroll, Robert Combas, Herbert Hamak, Rebecca Horn, Mel Ramos, Steve Riedell, Ed Ruscha, Remo Salvadori, Kenny Scharf, Ettore Spalletti, Eulalia Valldosera,  Felice Varini, JanVercruysse, Tom Wesselmann – per menzionarne solo alcuni – hanno lavorato direttamente con lo Studio. Dal 1970 al 1989 la famiglia Trisorio ha offerto a una vera e propria comunità d’arte composta da artisti del panorama internazionale, ma anche da critici, galleristi e direttori di museo,  uno spazio suggestivo di lavoro e d’incontro nella Villa Orlandi di Anacapri.

Negli anni settanta lo Studio Trisorio è stata una delle prime gallerie a esporre la fotografia organizzando mostre di fotografi quali Bill Brandt, Mimmo Jodice, JanSaudek, Luciano D’Alessandro, accanto a mostre didattiche come “L’immagine tradotta dall’incisione alla fotografia”, o provocatorie come “Michetti fotografo”.Negli ultimi anni hanno esposto Helmut Newton, Luigi Ghirri, Gabriele Basilico, Ferdinando Scianna, Martin Parr. Sono state presentate, inoltre, vaste retrospettive di Mario Giacomelli, SebastiãoSalgado, Margaret Bourke-White e Lucien Clergue e, parallelamente ad altre rassegne presentate a Villa Orlandi appunto, la vasta collettiva tematica: ‘Capri un Pretesto’ nella Certosa di Capri nel 1983, composta da 7 fotografi (Paul denHollander, Franco Fontana, Luigi Ghirri Ralph Gibson, Mimmo Jodice, Claude Nori, Wilhelm Schurmann ) per 140 fotografie.

Lo Studio Trisorio ha precorso i tempi realizzando, all’inizio degli anni ’80, una “Rassegna internazionale sul video d’artista”.La mostra presentava le varie sperimentazioni della videoarte con opere, tra gli altri, di Vito Acconci, Boetti, Boltanski, Daniel Buren,  Kounellis, Bruce Nauman, NamJunePaik, Paolini  Bill Viola, con proiezioni simultanee su una dozzina di monitors. Lo Studio Trisorio ha precorso i tempi realizzando, all’inizio degli anni ’80, una “Rassegna internazionale sul video d’artista”. Oggi la galleria lavora con alcuni artisti che fanno uso quasi esclusivo del medium (John Wood & Paul Harrison), oppure ne sperimentano il linguaggio attraverso l’animazione e l’associazione della proiezione ad oggetti vari e di uso quotidiano (Lucia Romualdi, Eulalia Valldosera, Marisa Albanese), o ancora a complemento della loro ricerca in ambito fotografico (Stefano Cerio, Raffaela Mariniello).

In un rapporto equilibrato tra ciò che è lontano e ciò che è vicino – tra le capitali internazionali dell’arte, l’Italia e Napoli, la Galleria promuove fin dalle prime mostre con particolare interesse, anche il lavoro di alcuni artisti che operano oggi in Italia e sul territorio campano.

Mappa


Gli Artisti

Alfredo Maiorino, Bill Beckley, Carlo Alfano, Daniel Buren, Fabrizio Corneli, Gregorio Botta, Lawrence Carroll, Marco Bagnoli, Marisa Albanese, Martin Parr, Pep Llambías, Raffaela Mariniello, Rebecca Horn, Riccardo Dalisi, Sergio Fermariello, Stefano Cerio, Steve Riedell, Umberto Manzo
La galleria Studio Trisorio di Napoli

© 2016 – 2019, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.