☞ Giovani e collezionismo: partecipa all’indagine!

Giovani visitatori ad ArtVerona 2016. Courtesy: ArtVerona | Art Project Fair
Giovani visitatori ad ArtVerona 2016. Courtesy: ArtVerona | Art Project Fair

Collezione da Tiffany e ArtVerona | Art Project Fair rinnovano la loro collaborazione lanciando una nuova indagine sul mondo del collezionismo italiano. Quello del collezionismo, d’altronde, è un fenomeno in continua evoluzione e lo stesso si può dire del rapporto con l’arte. Dopo l’indagine dello scorso anno, attraverso la quale si è cercato di tracciare un primo identikit di chi colleziona oggi arte in Italia, è il momento quindi di guardare alle nuove generazioni per capire che rapporto hanno con l’arte; se nel loro futuro vedono la possibilità di una “carriera” da collezionisti o, quanto meno, di compratori e il ruolo delle nuove tecnologie nel loro rapporto con il mondo dell’arte.

Un’indagine, quella lanciata oggi da Collezione da Tiffany e ArtVerona | Art Project Fair che si rivolge a due generazioni di collezionisti (o potenziali collezionisti) per vedere anche come sta cambiando l’approccio all’arte nel tempo: Generazione X (nati tra il 1965 e il 1980) e Generazione Y (nati tra il 1980 e il 2000).

Tutti i nati dopo il 1965, appassionati d’arte moderna e contemporanea, hanno tempo fino al 30 settembre prossimo per rispondere al sondaggio che, complessivamente, non vi ruberà più di 10 minuti.  I risultati dell’analisi verranno comunicati durante la prossima edizione di ArtVerona | Art Project Fair che si terrà nella città scaligera dal 13 al 16 ottobre 2017.

 

L’indagine è conclusa, grazie a tutti per la preziosa collaborazione.

I risultati saranno comunicati durante ArtVerona 2017. Stay Tuned!

 

In partnership con:

ArtVerona 2017

 

© 2017, Collezione da Tiffany. Tutti i diritti riservati.

2 Commenti

  • Daniele Taddei taddei daniele ha detto:

    Ciao Nicola, scrivo solo per rallegrarmi dell’iniziativa. Sarà un questionario del quale sarò curioso di conoscere le risposte, anche perché il “sistema di approvvigionamento” dell’Arte è variegato per le sue “fonti”, per i suoi “intermediari” e per il web che avvicina sempre di più i Collezionisti al mercato. Sarebbe altresì interessante il loro approccio con la “storia contemporanea”, o meglio quella attuale, quella di oggi, sempre che esistano punti di riferimento sui quali poggiare i propri percorsi. A presto, Daniele.

I commenti sono chiusi