C-print

Sono le fotografie a colori che tutti hanno a casa. La composizione è complessa, fino agli anni ’70 il supporto era cartaceo o in acetato pigmentato (Kodak dal 1940). Sul supporto primario vengono stesi diversi strati contenenti coloranti JMC (Giallo-Magenta-Ciano). L’immagine è molto instabile a causa della fragilità chimica dei coloranti. Dal 1970 con in supporti in RC Paper si ottiene miglior stabilità. I procedimenti più stabili oggi sul mercato sono: Fujicolor Crystal Archive (1997) notato sul verso della stampa; Kodak Endura (2002) notato sul verso della stampa. Una volta che i colori hanno virato è impossibile ripristinarli.

« Torna al Glossario