Carta Salata

Semplici fogli di carta da disegno imbevuti di cloruro di sodio con soluzione di nitrato d’argento (un solo strato). La superficie sensibilizzata veniva posta a contatto con un negativo e, per azione della luce, i sali d’argento si trasformavano in argento metallico, con effetto rossastro dell’immagine. Dopo l’annerimento diretto veniva virata e fissata.

« Torna al Glossario