#iorestoacasa: in “clausura” ma in compagnia dell’arte

E ora che si fa? Si sta a casa, si limitano i contatti quotidiani per contenere il contagio e così proteggere i nostri cari e tutti gli altri. Chissà che questa società così individualista non riscopra, finalmente, un po’ di altruismo… nel frattempo, però, le giornate sono lunghe ed è importante trovare qualcosa con cui passare quello che dovrebbe essere il nostro tempo libero (il lavoro per molti di noi, fortunatamente, non si ferma). Nel mio piccolo volevo proporvi qualche suggerimento.

Il primo è un blog tutto da scoprire. Si chiama Arte Svelata ed è stato creato da poco da Giuseppe Nifosì che, come si legge sul sito, si propone di «svelare il fascino irresistibile della ricchezza culturale, dimostrare che la cultura e la bellezza non sono concetti astratti ma fanno parte della nostra vita e la rendono migliore». E proprio in questo momento, aggiungo, ne abbiamo un gran bisogno.

Ma chi è Giuseppe Nifosì, vi chiederete… per prima cosa è uno storico dell’arte e dell’architettura nonché docente di storia dell’arte. Autore di saggi, articoli e testi scolastici. Ma soprattutto, e lo dico con un affetto infinito, è stato il mio docente di storia dell’arte al Liceo Scientifico Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo in provincia di Firenze. Dove ho studiato.

La home di ArteSvelata

Insomma… se oggi esiste Collezione da Tiffany è anche un po’ “colpa” sua, che ha aiutato a far fiorire un amore che in casa mia è sempre esistito, ma che i suoi insegnamenti hanno reso una vera passione. Ci siamo virtualmente incontrati nuovamente dopo 26 anni proprio grazie a questo suo sito stupendo e non potevo fare a meno di condividere questa cosa con tutti voi.

Ma andiamo avanti. Fortunatamente viviamo in un’epoca in cui le nuove tecnologie ci permettono, anche in situazioni di emergenza come questa, una sorta di “diversa normalità”. Ecco, allora, che tanti musei, gallerie e fiere ci permettono di viaggiare nell’arte stando al sicuro tra le pareti di casa nostra.

 

Qui sotto trovate un elenco di luoghi devoti all’arte che potrebbero allietare le vostre giornate casalinghe:

 

1. Pinacoteca di Brera – Milano https://pinacotecabrera.org/

2. Galleria degli Uffizi – Firenze https://www.uffizi.it/mostre-virtuali

3. Musei Vaticani – Roma http://www.museivaticani.va/content/museivaticani/it/collezioni/catalogo-online.html

4. Museo Archeologico – Atene https://www.namuseum.gr/en/collections/

5. Prado – Madrid https://www.museodelprado.es/en/the-collection/art-works

6. Louvre – Parigi https://www.louvre.fr/en/visites-en-ligne

7. British Museum – Londra https://www.britishmuseum.org/collection

8. Metropolitan Museum – New York https://artsandculture.google.com/explore

9. Hermitage – San Pietroburgo https://bit.ly/3cJHdnj

10. National Gallery of art – Washington https://www.nga.gov/index.html

 

Oltre a questi, che molti di voi conosceranno, visto che stanno girando da qualche giorno tra tutti noi appassionati d’arte, vi segnalo anche altre iniziative molto interessanti. A partire da Decameron: storie in streaming, maratona ispirata alla raccolta boccaccesca e organizzata dalla Triennale di Milano e visibile in diretta sul canale YouTube dell’istituzione. Artisti, designer, architetti, intellettuali, musicisti, cantanti, scrittori, registi, giornalisti leggeranno le loro personali “novelle” in diretta. Qui il programma completo: https://www.triennale.org/eventi/triennale-decameron/

Interessante anche l’iniziativa di Galleria Ramo che, oltre a rendere disponibile online la sua mostra, From Above di Dave Swensen, ha lanciato un nuovo progetto Live su Instagram: Domande & Risposte con diversi artisti, curatori, collezionisti e colleghi che hanno già collaborato con noi in passato o con i quali avremo l’occasione in futuro. E anche la romana AlbumArte realizza la sua prima mostra virtuale dal titolo DA CASA. Abitare il tempo sospeso, con “Opening” giovedì 12 marzo 2020 dalle 12.00 solo sul web e visitabile  fino al 3 aprile sui profili Instagram e Facebook della galleria.

Mentre Palazzo Bentivoglio prosegue la sua mostra dedicata a Sissi sul suo profilo Instagram. La mostra di Sissi, così, attualmente chiusa nel rispetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 sul contenimento della diffusione del Coronavirus, si tramuta in un diario giornaliero che l’artista realizzerà dalla sua abitazione per vestire il tempo che passa. Ogni giorno, fino al 19 aprile, data in cui sarebbe dovuta terminare l’esposizione “Vestimenti”, verrà presentata un’opera inedita dell’artista.

Art Basel, invece, dal 20 marzo prossimo ci darà la possibilità di scoprire le sue 231 gallerie che espongono nella sue Online Viewing Rooms:https://www.artbasel.com/viewing-rooms

Non è da meno la nostra Arte Fiera che a partire da martedì 17 marzo, lancerà un nuovo format digitale: IN GALLERIA, una vetrina online per i suoi espositori.

Con cadenza settimanale (il martedì) sei gallerie che hanno partecipato ad Arte Fiera 2020 presenteranno, attraverso un breve testo e una scelta di immagini, la mostra in corso presso le loro sedi in una pagina dedicata sul sito della fiera; negli stessi giorni, l’uscita sarà rilanciata sugli account Facebook e Instagram della manifestazione.

Le gallerie compariranno seguendo l’ordine alfabetico del catalogo degli espositori. Il primo appuntamento è martedì 17 marzo, con le gallerie 1/9unosunove, 10 A.M. ART, A arte Invernizzi, Andrea Ingenito, A+B Gallery, aA29 Project Room

Visto che, in questo caos, le consegne a domicilio funzionano ancora, mi permetto di consigliarvi anche un film che potete acquistare online: Basquiat, capolavoro di Julian Schnabel datato 1996. Ricordo ancora che quando uscì in Italia, qui a Firenze rimase giusto 2 o 3 giorni in un cinema piccolissimo. Oggi credo sia un film di culto per tutti gli amanti dell’arte. Personalmente riemersi dal buio della sala estasiato. Un’esperieinza rara complice, forse la mia giovane età, ma se non l’avete visto… merita.

Passiamo infine ai libri... qui la faccenda si fa più dura. Ne potrei consigliare veramente tantissimi, ma ne scelgo tre… che poi sono di più in realtà. Sì perché la prima indicazione bibliografica riguarda La Fotografia, stupenda opera in 4 volumi di Walter Guadagnini che vi guiderà attraverso una lettura inedita dello sviluppo storico della fotografia che tiene conto degli interrogativi suscitati da questo strumento, dalle origini fino ai giorni nostri.

Poi… poi… Il Piacere dell’Arte. Ci ho pensato un po’, lo ammetto, ma alla fine è questo il titolo che voglio consigliare. Uscito ormai 8 anni fa  per i tipi della Johan & Levi, questo libro di Adriana Polveroni e Marianna Agliottone rimane, in assoluto, il punto di riferimento bibliografico per chi vuole scoprire – e qui cito il sottotitolo dell’opera – la “Pratica e fenomenologia del collezionismo contemporaneo in Italia”. Credo, ma senza timore di essere smentito, che ancora oggi sia la ricostruzione storica più puntuale e completa del nostro collezionismo durante il XX secolo.

Infine, un libro che non sarà facile trovare, ma che sono convinto vi conquisterà: I grandi collezionisti americani di Aline B. Saarinen. Un’opera che mi ha segnato profondamente ai tempi dell’Università e che vi guiderà, appassionandovi (ne sono convinto), dalle origini del collezionismo statunitense fino a Peggy Guggenheim. E’ un testo del 1977 pubblicato da Einaudi e lo potete trovare online su siti di ricerca bibliografia come addall.com oppure sul amazon.

Fin qui i miei di consigli, ma se ne avete da condividere fatelo! Postate nei commenti libri, film, cataloghi che secondo voi potrebbero allietare questi giorni in cui restiamo in casa.

2 Commenti

I commenti sono chiusi