L’opera è mia e posso farne quel che voglio!” …ma è proprio così?

L’opera d’arte è per sua natura oggetto di interessi contrapposti che appartengono a soggetti differenti quali, per esempio, il suo autore e il suo proprietario.

Non è da escludere, dunque, il verificarsi di situazioni dove l’esercizio di un diritto da parte del proprietario di un’opera possa costituire violazione, anche inconsapevole, dei diritti d’autore esistenti in capo all’artista che l’ha realizzata.

CONTENUTO RISERVATO AI SOLI ABBONATI