Maurizio, Lucio, Michelangelo e gli italiani in asta a Londra

Ci siamo. Il Regno Unito non fa più parte dell’Unione Europea e con lui il suo mercato dell’arte… sarà interessante vedere come cambieranno, nelle loro analisi, i vari report, ma ancora c’è tempo. Ora è il momento di scriverli questi nuovi dati sull’economia dell’arte. A farlo si inizia dalla prossima settimana con le prima aste di un certo rilievo in programma quest’anno a Londra. Tra i grandi protagonisti… l’arte italiana.

Già la scorsa settimana vi avevamo anticipato la presenza, nel catalogo della 20th Century & Contemporary Art Evening Sale di Phillips della bellissima tela di Carol Rama Pornografia due (1965), proveniente dalla collezione del senatore Walter Fontana (Leggi -> Londra: in asta da Phillips un capolavoro di Carol Rama), ma di opere di nostri artisti nelle aste londinesi ce ne sono sempre tante.

Lotto 39 – Alighiero Boetti, Senza titolo, 1965. Ink on paper, 101.1 x 70.3 cm.Estimate: £80,000 – 120,000. Courtesy: Phillips

Sempre da Phillips, ad esempio, troviamo, accanto alla tela dell’artista torinese, un Untitled di Rudolf Stingel del 2008 (lotto 13, stima: £250,000 – 350,000) e una bella carta di Alighiero Boetti: anche in questo caso un Senza titolo (1965). Siamo al lotto 39 e la stima è di £80,000 – 120,000. Mentre nella day sale del 14 febbraio, abbiamo uno schizzo di Giacomo BallaLinea di velocità più paesaggio del 1913 (Lotto 198, stima: £40,000 – 60,000) – e due piccoli décollage di Mimmo Rotella: Suor Maria (1962) al lotto 199 con una stima di £25,000 – 35,000 e Littering (1958). Quest’ultimo proveniente dalla collezione di Miles e Shirley Fitermans e proposto al lotto 200 con una stima di £22,000 – 28,000.

Lotto 198 – Giacomo Balla, Linea di velocità più paesaggio, 1913. Watercolour on paper
25 x 35 cm. Estimate: £ 40,000 – 60,000

Passando a Christie’s, che batterà la sua Post-War and Contemporary Art Evening Sale il 12 febbraio, troviamo ancora una volta Rudolf Stingel, ma con un lavoro decisamente più prezioso: un Untitled del 2011 valutato 600-800.000 sterline (lotto 33). Al lotto 38, invece, abbiamo un Concetto spaziale (1965-66) di Lucio Fontana in ceramica invetriata, stimato 180-250.000 pound.

LOT 38 – Lucio Fontana, Concetto spaziale, 1965-1966. Glazed terracotta, 25 x 25 x 25cm. Estimate: £ 180,000 -250,000. Courtesy: Christie’s

Nella Post-War and Contemporary Art Day Sale del 13 febbraio è invece Michelangelo Pistoletto con lo specchiante Paolo Mussat Sartor (1962-1988) a rappresentare il notro paese (lotto 138, stima: 250-350.000 £) assieme a Carol Rama della quale troviamo al lotto 218, Araldica Arabescata, tela del 2004 proposta con una valutazione di 15-20.000 £.

LOT 138 – Michelangelo Pistoletto, Paolo Mussat Sartor, 1962-1988. Silkscreen on polished stainless steel, 125 x 70cm.Courtesy: Christie’s.

Ma eccoci al momento clou per il mercato internazionale dell’arte italiana in questo primio scorcio di 2020: la Contemporary Art Evening Auction di Sotheby’s del prossimo 11 febbraio dove, tra i top lot della serata, troviamo l’opera Untitled (2007) di Maurizio Cattelan. Stimata 600.000-800.000 £, è un lavoro che rientra a pieno titolo nei canoni del “fare Arte” di Cattelan. Si tratta di resina, pittura, capelli umani, tessuti e legno, che rappresentano una sorta di crocifissione al femminile.

Lotto 40 – Maurizio Cattelan, Untitled, 2007. Resin, paint, human hair, garment packing tissues, wood and screws, 235.6 x 137.2 x 47 cm. Estimate: £ 600,000 — 800,000. Courtesy: Sotheby’s

Già proveniente dalla Galleria Perrotin di Parigi, Untitled è stata esposta a New York al Solomon Guggenheim nel Novembre 2011 al centro della sala principale, nel corso dell’antologica dedicata all’artista. Il lavoro provoca angoscia e sensazione di morte e il tutto è accresciuto dalla posizione del corpo. La schiena della donna infatti è rivolta verso il pubblico, e i piedi, visibilmente sporchi, ricordano allo spettatore che prima la figura camminava sulla terra. La composizione, nasce dalla visione di una foto di Francesca Woodman del 1977, la quale, in un autoritratto, riprende sé stessa appesa ad una porta, vestita di una tunica bianca.

LOTTO 20 – Lucio Fontana, Concetto Spaziale. Attese, 1964. Waterpaint on canvas, 95 by 74 cm. Estimate: £ 1,300,000 — 1,800,000. Courtesy: Sotheby’s

Ma in asta l’11 febbraio 2020 a Londra ci saranno anche altre opere di artisti italiani quali, Lucio Fontana, Salvatore Scarpitta e Rudolf Stingel. Il maestro dello Spazialismo, sarà rappresentato in asta da alcune opere tra le quali segnaliamo il Concetto Spaziale, Attese del 1965 che è inscritto al verso: “Vorrei addormentarmi su il più bel prato verde” e ha una stima di 1.300.000-1.800.000 £.

Lotto 35 – Rudolf Stingel, Untitled, 2007. Oil and enamel on canvas, 241.3 x 193 cm. Estimate: £ 1,400,000 — 1,800,000. Courtesy: Sotheby’s.

Dopo il world-record stabilito per l’artista il 4 ottobre 2019 a Londra durante la Contemporary Art Evening Auction con l’aggiudicazione di HOUSING DEVELOPED per ben 2,535,000 GBP, Salvatore Scarpitta sarà nuovamente presente in asta con The Corn Queen.

Lotto 30 – Salvatore Scarpitta, The Corn Queen, 1959. Bandages and mixed media on canvas, 120.5 x 76 cm. Estimate: £ 1,200,000 — 1,600,000. Courtesy: Sotheby’s.

L’opera del 1959, è un elegante bandage tipico dell’artista, proveniente dalla Leo Castelli Gallery di New York. Tra le varie esposizioni, il lavoro è stato presentato a Torino presso la GNAM nel 2012. L’opera è valutata 1.200.000- 1.600.000 £.