Prassi e accorgimenti utili nel prestito di opere d’arte

Foto di Ichigo121212 da Pixabay

Non tutte le opere presenti in un museo o in una galleria d’arte appartengono agli organizzatori delle esposizioni o alla struttura che le ospita. È una prassi frequente, infatti, quella di chiedere in prestito opere appartenenti ad altre istituzioni o a collezionisti privati.

Negli ultimi tempi, inoltre, sono nate diverse società che offrono la possibilità di noleggiare opere d’arte per periodi più o meno lunghi, concedendo così anche ai privati, che non potrebbero permettersene l’acquisto, la possibilità di ospitare in casa propria opere realizzate da grandi artisti.

Quali sono, dunque, gli accorgimenti da osservare nel concedere in prestito un’opera d’arte? E in che modo è possibile per il prestatore tutelare al meglio i propri interessi e, allo stesso tempo, garantire all’opera la massima tutela?

Abbonati subito a CdT PRO!

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO DEVI ESSERE ABBONATO

PUOI ABBONARTI SUBITO A PARTIRE DA 40 € ALL'ANNO IVA INCLUSA!

 

ABBONATI ORA

 

SE HAI GIA' UN ACCOUNT, EFFETTUA IL LOGIN E PROSEGUI NELLA LETTURA: