Tony Fiorentino vince il Premio Liliana Nocera

Tony Fiorentino, vincitore del premio Liliana Nocera
Tony Fiorentino, vincitore del premio Liliana Nocera

Negli storici spazi della Permanente di Milano si è svolta, il 20 novembre scorso, la premiazione e l’inaugurazione della mostra dedicata alla prima edizione del Premio “Giovani  Scultori alla Permanente”. Il premio, intitolato alla scultrice Liliana Nocera, è stato vinto da Tony Fiorentino con “Miselathum Pharallelus”, opera architettonica di forte ispirazione biologica (come del resto gli altri lavori dell’artista, che sembrano ispirarsi ad eventi e forme della Natura, ndr). Pensata per essere collocata presso uno skatepark nei giardini pubblici di Porta Venezia (Milano), adiacenti al Museo di Storia Naturale, la scultura dovrebbe essere costruita in ferro e vari tipi di resina.

Antonio Fiorentino, Misellathum Pharallelus, 2013, plaster and jaw's shark

Antonio Fiorentino, Misellathum Pharallelus, 2013, plaster and jaw’s shark

Il secondo premio è stato assegnato a “Lo sconfitto” di AFRAN Francis Nathan Abiamba, antropomorfa scultura, collage e progetto d’installazione scultorea urbana, realizzati con materiali comuni e riciclati, come vecchi jeans e grucce. Il terzo premio è stato assegnato, ex-equo, all’artista sud coreano Kwangwoo Han che ha firmato l’opera “Movement atom #13 series” con le sue grandi pedine ludiche di metallo non ferroso…

Kwangwoo Han, Movement atom #13 series”, 2014. Terzo premio. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Kwangwoo Han, Movement atom #13 series”, 2014. Terzo premio ex-equo. Foto: Massimiliano Monnecchi.

… e a Fabio Tasso autore del progetto “Vacuità”, opera polisferica per seduta realizzata in cemento fuso, argilla espansa e sabbia, che unisce tecnica e filosofia orientale.

Fabio Tasso, Vacuità, 2014. Terzo premio ex-equo. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Fabio Tasso, Vacuità, 2014. Terzo premio ex-equo. Foto: Massimiliano Monnecchi.

I 4 artisti vincitori del concorso hanno ricevuto un premio in denaro e la carica di Soci vitalizi della Permanente, confermando lo spirito di mecenatesimo della Permanente e dei suoi Soci che, con costanza e volontà, credono in un rinnovamento che può avvenire sostenendo e facendo partecipare soprattutto i giovani artisti.

 

La Permanente dalla parte dei giovani

 

“La Permanente – ha afferma durante la premiazione il Presidente Giulio Gallera -, pur nel segno di una lunghissima tradizione di cultura cittadina, sta cambiando passo anche attraverso la valorizzazione dei giovani, che rappresentano le espressioni e i fermenti artistici e culturali che percorrono la nostra città e il nostro tempo.”

Un momento della premiazione. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Un momento della premiazione. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Agli artisti “under 35” che hanno partecipato al concorso era stato richiesto di presentare una scultura, con limiti di peso e dimensioni, e un progetto per un’opera di grandi dimensioni, pensata e progettata per dialogare col territorio che l’accoglierà. Le opere sono state selezionate da una giuria composta da esperti, giornalisti e mecenati dell’Arte: Giandomenico Di Marzio (giornalista de Il Giornale e critico d’arte), Alberto Ghinzani (scultore e Direttore del Museo della Permanente), Luca Gregotti (imprenditore e collezionista), Massimo Pellegrinetti (scultore e direttore del Dipartimento di scultura dell’Accademia di Brera di Milano) e Francesco Poli (critico d’arte e curatore internazionale) e con la partecipazione dell’architetto Nocera, marito della scultrice Liliana Nocera.

Una delle opere finaliste esposte in mostra. Foto: Massimiliano Monnecchi

Una delle opere finaliste esposte in mostra. Foto: Massimiliano Monnecchi

«Con la prima edizione di questo concorso – continua Gallera – prosegue così la nostra azione di coinvolgimento dell’arte giovane, che può offrire un apporto fondamentale al rinnovamento della cultura e delle arti, rendendo più vive e interessanti le nostre città, trasformandole in luoghi di dibattito e di socializzazione tra le persone, come già avviene in molte realtà europee».

La giuria, forte di tale affermazione, ha concentrato la scelta sulle opere in grado di esprimere al meglio questi concetti proclamando 28 finalisti, le cui opere e progetti rimarranno esposti alla Permanente fino al 6 dicembre 2014 con ingresso libero.

Un'altra opera finalista del premio di scultura Liliana Nocera. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Un’altra opera finalista del premio di scultura Liliana Nocera. Foto: Massimiliano Monnecchi.

Questi i nomi degli autori finalisti: AFRAN – Francis Nathan Abiamba, Marco Abisso, Cristina Anna Aldrighi, Paolo Benvenuti, Giulia Berra, Niccolò Calmistro, Andrea Dal Corso, Antonio Fariello, Tony Fiorentino, Francesco Fossati, Annaklara Galli, Tommaso Gatti, Alberto Gianfreda, Giuliano Cataldo Giancotti, Caterina Chiara Gobbi, Kwangwoo Han, Maria Grazia Inserillo, Adriano Lombardo, Valeria Notaro, Laura Mergoni, Farhad Orouji, Paolo Alberto Peroni, Leardo Sciacoviello, Sara Somaini, Fabio Tasso, Gaetana Valguarnera, Pietro Zucca, Lorenzo Zuccato.

2 Commenti

I commenti sono chiusi