Sotheby’s: record per Angeli, Fioroni, Sarri, Morales e Poesia Visiva

Un momento della sessione serale dell'asta di arte moderna e contemporanea di Sotheby's a Palazzo Serbelloni di Milano
Un momento della sessione serale dell'asta di arte moderna e contemporanea di Sotheby's a Palazzo Serbelloni di Milano

Sala gremita e attiva per le due sessione dell’asta di arte moderna e contemporanea di Sotheby’s (25-26 maggio) che si è chiusa con un totale di oltre 11.9 milioni di euro comprensivo di buyer’s premium e un tasso di venduto dell’82.9% in lotti e dell’87.1% in valore. Un risultato decisamente positivo, che supera le aspettative di Palazzo Serbelloni che aveva posto l’asticella a circa 10 milioni. E se nell’asta serale è Franco Angeli a brillare, realizzando il suo nuovo record, è nell’appuntamento pomeridiano di oggi che si è avuta una vera e propria pioggia di record che hanno riguardato Giosetta Fioroni e Sergio Sarri per la Pop Art italiana; Luciano Ori, Lucia Marcucci e Lamberto Pignotti per la Poesia Visiva e Carmen Gloria Morales per l’Analitica. Ottima performance anche per Melotti nella evening sale di ieri e per Isgrò nell’appuntamento di oggi.

 

Ma come brillano le Stelle di Angeli

 

Che non si vedeva un’opera di queste dimensioni e di questa qualità a firma di Franco Angeli era un po’ di tempo. E, infatti, alla fine, il vero protagonista della sessione serale di Sotheby’s (25 maggio) è proprio lui: Franco Angeli, che fa registrare, con l’opera Stelle del 1961, proveniente dalla collezione Jacorossi di Roma, il suo nuovo record d’asta con il martello che batte a 70.000 euro (87.000 incluso il buyer’s premium) contro una stima di 40-60.000 euro. Il record precedente risaliva addirittura al 2007 quando la tela Ricordo di Pollock (1973) fu aggiudicata da Finarte per 30.000 euro di hammer price.

Franco Angeli, Stelle, 1961. Presentata in asta con una stima di 40-60.000 euro, è stata aggiudicata per 70.000 euro (senza buyer's premium) segnando il nuovo record d'asta per l'artista

Franco Angeli, Stelle, 1961. Presentata in asta con una stima di 40-60.000 euro, è stata aggiudicata per 70.000 euro di hammer price (87.000 con il buyer’s premium) segnando il nuovo record d’asta per l’artista

Altro protagonista di una serata, tutto sommato, molto serena: Fausto Melotti il cui Canone Variato II, scultura del 1971, doppia la stima massima e viene aggiudicata per 430.000 euro di hammer price, non troppo lontano dal suo record dello scorso anno realizzato, sempre a Milano ma nell’asta di Christie’s, con l’opera il Viaggio della Luna che fu battuta a 480.000 euro.

Fausto Melotti, Canone Variato II, 1971. In catalogo con una stima di 150-200.000 euro l'opera è stata aggiudicata per 430.000 euro di hammer price (519.000 euro incluso buyer's premium)

Fausto Melotti, Canone Variato II, 1971. In catalogo con una stima di 150-200.000 euro l’opera è stata aggiudicata per 430.000 euro di hammer price (519.000 euro incluso buyer’s premium)

Per il resto l’asta è filata via liscia fin dal primo lotto. Pochissime le opere non aggiudicate (8 su 46) con un totale di circa 9.8 milioni di euro e un tasso di venduto dell’86.3%. Quasi tutte le opere hanno rispettato le aspettative, con solo 5 lotti che non hanno raggiunto la stima minima. Tra questi il bellissimo Tancredi al lotto 21, battuto a 231.000 euro contro una stima di 250-350.000 euro. Nove, invece, quelli che sono andati oltre l’aspettativa più alta.

 

Pioggia di record nell’asta pomeridiana

 

A scorrere le stima forse ci si poteva anche aspettare, ma l’asta pomeridiana di Sotheby’s, che si è conclusa da pochi minuti, ha avuto un finale veramente caldo, tanto che tra gli ultimi 21 lotti dei 59 in catalogo si sono visti ben 6 nuovi record d’asta. Due portano il nome, rispettivamente, di Giosetta Fioroni – che vede sua la tela Liberty Viennese del 1966 battuta a 48.000 euro – e di Sergio Sarri, presente al lotto 150 con Letto di contenzione n. 2, opera del 1971 che sente il martello di Raphaelle Blanga battere a 24.000 euro: un record, quest’ultimo, di tre volte superiore a quello realizzato nel 2015 da Boetto. Due nuovi record d’asta che, assieme a quello di Angeli realizzato ieri, confermano l’attenzione del collezionismo per la Pop Art Italiana. Il record della Fioroni, peraltro, arriva a soli 6 mesi dal precedente a dimostrazione di come i prezzi la nostra arte Pop stiano salendo rapidamente.

Lotto 138 - Giosetta Fioroni, Liberty Viennese, 1966. L'opera è stata battuta a 48.000 euro (60.000 con il buyer's premium) segnando il nuovo record d'asta per l'artista.

Lotto 138 – Giosetta Fioroni, Liberty Viennese, 1966. L’opera è stata battuta a 48.000 euro (60.000 con il buyer’s premium) segnando il nuovo record d’asta per l’artista.

Tra questi due primati “pop” da segnalare l’ottimo risultato per il piccolo nucleo di Poesia Visiva che passa a pieni voti il test di mercato segnando 3 nuovi record d’asta rispettivamente per Luciano Ori, Lucia Marcucci e Lamberto Pignotti. Di Ori, il lotto 142 – Senza titolo (1964) – è stato battuto a 8.500 euro, mentre Crea un’Atmosfera, opera del 1965 di Lucia Marcucci ha raggiunto i 7.000 euro di hammer price. Infine Pignotti realizza il suo primato con L’Italia se ne va del 1964, aggiudicata per 6.500.

Lotto 142 - Luciano Ori, Senza Titolo, 1964. Battuta a 8.500 euro (10.625 con il buyer's premium) l'opera ha stabilito il nuovo record d'asta per l'artista.

Lotto 142 – Luciano Ori, Senza Titolo, 1964. Battuta a 8.500 euro (10.625 con il buyer’s premium) l’opera ha stabilito il nuovo record d’asta per l’artista.

In chiusura arriva anche il record di Carmen Gloria Morales alla sua prima presenza “seria” in asta e che con Dittico R 75-5-5 del 1975 realizza, non a caso, il suo record con il martello che batte a 16.000 euro. Fino ad oggi le opere della Morales passate in asta erano 5 con un precedente “record” di 1000 euro datato 19 aprile 2016 (Boetto). Oltre ai 6 record, per quanto riguarda la sessione pomeridiana di oggi, è da segnalare anche l’ottima performance di Emilio Isgrò, il cui Telex G6 del 1972 è stato aggiudicato a 57.000 euro contro una stima di 25-35.000 euro. Un risultato che, peraltro, è ad un passo dal suo record di 60.000 euro.

Nota: i prezzi sono tutti senza buyer’s premium salvo dove indicato diversamente.

(L’articolo è stato scritto in collaborazione con Cecilia Durisotto)

Articolo aggiornato il 31/05/2016 alle ore 21.47

 

2 Commenti

I commenti sono chiusi