Christie’s: nuovi record per Leoncillo, Melotti, Lo Savio, Fioroni, Gilardi e Pardi

LOTTO 22 - Fausto Melotti, Tema e variazioni I, 1970. Oro e base in acciaio inox cm 21,5x80x11 (ognuno), cm 21,5x160x11 (totale)
LOTTO 22 - Fausto Melotti, Tema e variazioni I, 1970. Oro e base in acciaio inox cm 21,5x80x11 (ognuno), cm 21,5x160x11 (totale). Courtesy: Christie's. Battuta per 500.000 euro di hammer price quest'opera ha stabilito il nuovo record d'asta dell'artista.

Terzo miglior risultato di sempre per la Milan Modern and Contemporary di Christie’s che si è chiusa con un totale di 13.319.624 euro (buyer’s premium incluso) e un tasso di venduto del 94.2% in lotti e del 96% in valore e solo 5 opere invendute su 88 in catalogo. Un risultato solido che conferma l’asta di Palazzo Clerici come l’appuntamento più importante per il mercato italiano e realizzato grazie ad una evening sale che ha realizzato un parziale di 11.785.397 euro (buyer’s premium incluso). Nuovi record d’asta: per Leoncillo, Fausto Melotti, Francesco Lo Savio, Giosetta Fioroni, Piero Gilardi e Gianfranco Pardi.

Renato Pennisi in un momento della Milan Modern and Contemporary di Christie's

Renato Pennisi in un momento della Milan Modern and Contemporary di Christie’s

Diretta in modo magistrale da Renato Pennisi, Direttore e Senior specialist di Christie’s Italia, la prima sessione della Milan Modern and Contemporary di Christie’s parte subito forte e fin dal primo lotto, Senza titolo (ordine e disordine) di Alighiero Boetti, si capisce che la serata ha il mood giusto. In catalogo l’opera è proposta a 50-70.000 euro e in sala si parte da 45 mila, ma subito le puntate iniziano a susseguirsi velocissime e il martello batte alla bellezza di 240.000 euro.

LOTTO 1 - Alighiero Boetti, Senza titolo (ordine e disordine), 1977. Ricamo cm 54x52. Courtesy: Christie's.

LOTTO 1 – Alighiero Boetti, Senza titolo (ordine e disordine), 1977. Ricamo, cm 54×52. Courtesy: Christie’s.

I 5 lotti successivi se ne vanno tranquilli, con aggiudicazioni che centrano tutte le aspettative. Solo Ferrocemento n. 22 di Giuseppe Uncini si ferma di poco al di sotto della stima minima – 55 mila euro contro 60 mila -, ma si tratta di una sfumatura. Subito dopo il Fontana “oro” – un Concetto spaziale, attesa del 1961 con un solo taglio verticale – supera la stima massima e viene aggiudicato a 350 mila. E’ poi la volta Concetto spaziale, Attese del 1963-64 (lotto 10). Le offerte proseguono con ritmo costante fino a quando non arriva sul piatto una puntata decisa: 700.000 euro. “Bene! Così ci piace!”, esclama dal rostro Renato Pennisi che poi farà battere il suo martello a 780 mila.

LOTTO 10 - Lucio Fontana, Concetto spaziale, Attese, 1963-64. Idropittura su tela cm 33,2x41,5.

LOTTO 10 – Lucio Fontana, Concetto spaziale, Attese, 1963-64. Idropittura su tela cm 33,2×41,5.

Il clima si riscalda e l’evening sale milanese di Christie’s mette in archivio il primo record della serata. E’ di Leoncillo, il cui San Sebastiano del 1960-62 al lotto 11 viene aggiudicato per 65.000 euro. Si arriva così al cover lot dell’asta: il Fontana rosso (Concetto Spaziale, [Attese] del 1966) che raggiunge i 1.3 milioni di hammer price.

LOTTO 11 - Leoncillo, San Sebastiano, 1960-62. Ceramica dipinta cm 55x16x11,5. Courtesy: Christie's.

LOTTO 11 – Leoncillo, San Sebastiano, 1960-62. Ceramica dipinta, cm 55x16x11,5. Courtesy: Christie’s.

Bene anche il Cementarmato parabolico (lotto 13) di Giuseppe Uncini che raggiunge i 180.000 euro della stima minima, mentre il primo Schifano della serata, un Paesaggio Anemico del 1965, si ferma a 95 mila, mancando l’aspettativa più bassa. Dopo una breve pausa dovuta a qualche problema tecnico che ha lasciato Pennisi senza voce, si procede con il lotto 15: Stella d’Argento, opera del 1965 di Franco Angeli. La pop italiana non sembra eccitare particolarmente i bidder e l’opera si ferma al di sotto della stima minima e così fa anche il lotto successivo a firma di Festa. Va meglio Renato Mambor (lotto 17), ma niente di che. Solo Les Promenades d’Euclide di Tano Festa (lotto 18), tra queste prime opere dei “ragazzi” di Piazza del Popolo presenti in catalogo, riscuote un maggior successo, superando la massima valutazione con il martello che batte a 110.000 euro.

LOTTO 18 - Tano Festa, Les Promenades d'Euclide, 1965. acrilico e smalti su tela, cm 162x130,7.

LOTTO 18 – Tano Festa, Les Promenades d’Euclide, 1965. acrilico e smalti su tela, cm 162×130,7.

Buona aggiudicazione anche per Burri il cui Cellotex al lotto 19 raggiunge agilmente i 150.000 euro della stima massima. E anche la Superficie bianca del 1987 di Castellani al lotto successivo non delude:  920.000 euro. Ma la star di questa parte centrale dell’asta è certamente Fausto Melotti che al lotto 22, con Tema e variazioni I, ritocca il suo personale primato d’asta che sale a 500.000 euro. Ed è record anche per Francesco Lo Savio, che inaugura la sessione dedicata alle opere provenienti dalla Collezione Jacorossi: il suo Spazio Luce (lotto 26) raggiunge l’eccellente hammer price di 400.000 euro, ossia la sua miglior aggiudicazione di sempre.

LOTTO 26 - Francesco Lo Savio, Spazio luce, 1960. Acrilico su tela cm 110x130. Stima: EUR 350,000 - EUR 500,000. Courtesy: Christie's

LOTTO 26 – Francesco Lo Savio, Spazio luce, 1960. Acrilico su tela cm 110×130.  Courtesy: Christie’s

Siamo a metà vendita ed è la volta della seconda parentesi Pop della serata che si apre decisamente meglio della prima con Giosetta Fioroni che con Liberty (lotto 29) del 1965 eguaglia il suo primato di 65.000 euro per poi superarlo quattro lotti dopo con Interno familiare del 1960 (lotto 32) che sente il martello battere a 70.000 euro. E’ il quarto record della serata e bene vanno anche le opere dei suoi colleghi Angeli e Festa che superano la massima aspettativa.

LOTTO 32 - Giosetta Fioroni, Interno familiare, 1960. smalti su tela, cm 114,5x146,5. Courtesy: Christie's.

LOTTO 32 – Giosetta Fioroni, Interno familiare, 1960. smalti su tela, cm 114,5×146,5. Courtesy: Christie’s.

I lotti scorrono veloci, un paio rimangono invenduti, ma in generale le aggiudicazioni raggiungono o superano le aspettative. Fino ad arrivare al lotto 38 dove troviamo Trilite spezzato, opera di 1965 di Piero Gilardi che con 80.000 euro di hammer price stabilisce il nuovo record per l’esponente dell’Arte Povera.

LOTTO 38 - Piero Gilardi, Trilite spezzato, 1965. polistirolo espanso, resine viniliche e legno, 10 elementi cm 243x191x25 (totale). Courtesy: Christie's

LOTTO 38 – Piero Gilardi, Trilite spezzato, 1965. polistirolo espanso, resine viniliche e legno, 10 elementi, cm 243x191x25 (totale). Courtesy: Christie’s

Gli ultimi 13 lotti della evening sale di Palazzo Clerici filano via senza alcun problema e sul finale brillano Figura T3 (lotto 49) di Osvaldo Licini che, valutata 50-70.000 euro è stata aggiudicata a 130.000 euro, e la bella Madonna con bambino ed angeli di Lucio Fontana al lotto 51 che raggiunge un hammer price di 140.000 euro contro una stima in catalogo di 60-80.000 euro. Nella day sale del 28 aprile, invece, spiccano alcune aggiudicazioni di rilievo tra le quali non possiamo non citare i 40.000 euro di hammer price per Giardino Pensile (1969), acrilico su truciolato di Gianfranco Pardi che rinnova il record d’asta dell’artista.

NOTA:  Salvo dove indicato diversamente tutti i prezzi riportati nel presente articolo non includono i diritti d’asta.

Articolo aggiornato il 28/04/2017 alle ore 23.00

 

3 Commenti

  • marco meneguzzo ha detto:

    noto che la scuola romana ha fatto boom nel cuore di un noto appassionato

  • michela scotti ha detto:

    Carissimo Nicola, mi piace moltissimo il tuo sito e ti faccio i miei complimenti. Potresti segnalare per favore la prossima asta di Arte Moderna e Contemporanea che si terrà da Cambi il 9 Maggio a Milano. Penso che il catalogo tu lo abbia già visto e l’ultima volta, lo scorso novembre, ci avevi segnalato con commenti degni di una persona veramente preparata in materia. Spero che anche questo catalogo ti sia piaciuto e credo sia meglio dello scorso.. Cordiali saluti Michela Scotti

I commenti sono chiusi