Se l’arte spopola nelle mostre e… al Cinema

Il pubblico in coda per entrare nel Palazzo Reale di Milano per ammirare le mostre dedicate a Chagall e Van Gogh
Il pubblico in coda per entrare nel Palazzo Reale di Milano per ammirare le mostre dedicate a Chagall e Van Gogh

Il 2015 segna un passo importante per la rinascita dei consumi culturali in Italia dopo anni di incessante calo, confermando un trend iniziato nel 2014. Gli italiani sono tornati a visitare musei e mostre e i grandi eventi espositivi hanno fatto registrare, anche grazie a loro, ingressi da record. Ma non solo: negli ultimi 12 mesi oltre 180.000 persone sono andate al cinema per ammirare la Grande Arte e i musei dello stivale hanno “ospitato” oltre 40 milioni di visitatori. E questo non può che renderci felici e guardare al 2016 con un certo ottimismo.

 

La Top 10 delle mostre

 

Nel 2014 solo La ragazza con l’orecchino di perla (Bologna) e Frida Kahlo (Roma) avevano superato la quota dei 300 mila ingressi – rispettivamente 342.626 e 332.000 – arrivando a guidare la classifica delle mostre più visitate dell’anno. Un traguardo che nell’anno appena concluso è stato superato, invece, da ben 5 mostre tra le quali primeggia, come c’era da aspettarsi, la 56° Biennale di Venezia (All the World’s Futures) che dal 9 maggio al 22 novembre scorso ha registrato la bellezza di 501.502 presenze. Sul podio anche le due mostre di Palazzo Reale a Milano:  Van Gogh. L’uomo e la terra (355.292 visitatori) e Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985 (340.432 spettatori). Ma ecco la Top 10 delle mostre 2015:

n. MOSTRA SEDE PERIODO VISITATORI
1  All the World’s Futures  Venezia, Giardini della Biennale e Arsenale 9 maggio – 22 novembre 2015 501.502
2  Van Gogh. L’uomo e la terra  Milano, Palazzo Reale 18 ottobre 2014 – 8 marzo 2015 355.292
3  Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985  Milano, Palazzo Reale 17 settembre 2014 – 1° febbraio 2015 340.432
4  Tutankhamon Caravaggio Van GoghLa sera e i notturni dagli Egizi al Novecento  Vicenza, Basilica Palladiana 24 dicembre 2014 – 2 giugno 2015 301.855
5  Escher  Roma, Chiostro del Bramante 20 settembre 2014 – 22 febbraio 2015 251.714
6  Leonardo 1452-1519 – Il disegno del mondo  Milano, Palazzo Reale 16 aprile – 19 luglio 2015 235.000
7  Matisse. Arabesque  Roma, Scuderie del Quirinale 5 marzo – 21 giugno 2015 232.000
8  Picasso e la modernità spagnola  Firenze, Palazzo Strozzi 20 settembre 2014 – 25 gennaio 2015 190.000
9  Escher  Bologna, Palazzo Albergati 12 marzo – 19 luglio 2015 173.223
10  Human (Antony Gormley) Firenze, Forte Belvedere 26 aprile – 27 settembre 2015 170.000

 

La Grande Arte sul Grande Schermo

 

Ma la grande arte non attira visitatori solo nelle sedi espositive delle nostre principali città. Sono sempre di più, infatti, le persone che riempiono le sale cinematografiche dello stivale per vedere mostre e scoprire i segreti dei nostri musei. E questo grazie all’iniziativa La Grande Arte sul Grande Schermo di Nexo Digital che nel 2015 ha portato al cinema ben 180.000 spettatori. Un fenomeno, quello dell’arte al cinema, che sino a pochi anni fa sarebbe stato impensabile, ma che dal 2012 ad oggi è diventato, invece, uno di quegli appuntamenti immancabili che il pubblico attende come l’apertura delle grandi stagioni. Tanto che, in occasione del lancio della programmazione 2015/2016, l’AD di Nexo Digital,Franco di Sarro, ha dichiarato: «Per noi quella dell’arte al cinema è stata una scommessa vinta. Ci abbiamo voluto credere sin dal 2012 con Leonardo Live, quando in tanti erano titubanti. Sentivamo che il pubblico avrebbe risposto con calore, che avrebbe sperimentato con noi. E così è stato». «Quest’anno – ha proseguito Di Sarro – proponiamo ai nostri spettatori dei tour cinematografici esclusivi, firmati in alta definizione dalle più importanti produzioni internazionali, che guideranno la platea delle sale alla scoperta di artisti, dipinti e spazi museali d’eccezione in appuntamenti straordinari. Tanti appuntamenti che permetteranno di osservare quadri e sculture nel dettaglio, ascoltare il racconto degli organizzatori, entrare nelle segrete stanze e negli spazi in genere inaccessibili che hanno visto le mostre prendere forma: un’occasione unica per tutti gli appassionati d’arte, di viaggi, di cinema e di cultura alla scoperta di storie che segnano il nostro modo di essere e di vivere».

La locandina di "GOYA Visioni di carne e sangue" nelle sale italiane dal 2 al 3 febbraio 2016.

La locandina di “GOYA Visioni di carne e sangue” nelle sale italiane dal 2 al 3 febbraio 2016.

E dopo il successo dell’appuntamento con Firenze e gli Uffizi 3D/4K, con il Teatro alla Scala e le sale de L’Accademia Carrara, che hanno chiuso il 2015, l’anno appena cominciato guiderà gli spettatori alla scoperta del genio cupo e sconvolgente narrato in Goya. Visioni di carne e sangue (2-3 febbraio 2016) dalla National Gallery di Londra e quello inquieto e poliedrico del maestro di Vinci, in Leonardo da Vinci – Il genio a Milano (2-4 maggio). Ma grazie a La Grande Arte sul Grande Schermo, nel primo semestre 2016 ci potremo immergere nei colori di Auguste Renoir, con Renoir – Oltraggio e Seduzione (22-23 marzo) della Barnes Foundation di Philadelphia e vivere l’emozione di un viaggio tra Le Basiliche Papali di Roma in 3D (11-13 aprile) in occasione del Giubileo 2016; scopriremo Istanbul e il Museo Dell’innocenza di Pamuk (3-4 maggio) e ritroveremo, infine, la primavera con Da Monet a Matisse: l’arte di dipingere giardini (24-25 maggio) direttamente dalla Royal Academy of Arts di Londra e dal Cleveland Museum of Art sino alle sale italiane.

 

2015: anno record anche per i musei

 

Una buona notizia, infine, anche per quanto riguarda i nostri musei pubblici che, nel 2015 hanno superato, per afflusso di pubblico, il già ottimo risultato del 2014. Da gennaio a dicembre dello scorso anno, infatti, sono stati oltre 41 milioni le persone che hanno visitato i musei italiani. Ma il dato che ci rincuora di più è quello relativo al contributo che gli italiani hanno dato a questa crescita. Dopo anni di costante calo, infatti, nel 2015 la percentuale degli italiani di 6 anni in su che ha visitato almeno una volta un esposizione o un museo è salita del 2%. Portando il totale dal 27,9% del 2014 al 29,9% dell’anno appena concluso. E sale anche la quota degli italiani che hanno  visitato siti archeologici e monumenti, passata in un anno dal 22,0% al 23,6% (Fonte: Annuario statistico italiano 2015). Insomma, l’Italia e gli italiani sembrano lentamente riscoprire il piacere dell’arte e della cultura e questa ci sembra la notizia migliore con cui aprire questo 2016!

Buon Anno a tutti da Collezione da Tiffany!

1 Commento

  • armellin ha detto:

    E’ sempre meglio iniziare con ottimismo il nuovo anno. Anche i visitatori agli Scavi di Pompei sono in crescita ma l’80% é fatto da stranieri…sulla classifica emergono nomi assai noti, sembra l’anno di Escher presente pure a Treviso fino al 3 aprile 2016 : http://www.mostraescher.it/ ;
    Sulla Biennale di Venezia considerato l’investimento e il nome blasonato i visitatori non sono molti, in rapporto soprattutto al flusso di turisti che ha Venezia; qui bisogna essere critici, scusatemi l’autocitazione ma il mio Poema visivo del XXI secolo supera tranquillamente tutto quanto é stato esposto nella edizione della Biennale 2015 (verificate su : http://armellin.blogspot.com );
    Auguri di un buon 2016…SA

I commenti sono chiusi